Spostamenti in autobus metro e treni nella fase 3: regole da rispettare

Mario Ragone 11 Giugno 2020

Come funzionano gli spostamenti in autobus metro e treni dalla fase 2 alla fase 3: tutte le informazioni su orari, fermate e regole da rispettare.

Con l’allentamento delle restrizioni e lo sviluppo del periodo post lockdown è stata resa possibile la circolazione pedonale e veicolare. In tal senso sono chiamati in causa anche i mezzi di trasporto (fondamentali per gli spostamenti tra regioni).

Ma come funzionano gli spostamenti in autobus metro e treni dalla fase 2 alla fase 3 di giugno 2020?

Cosa cambia e quali sono le regole da rispettare per il trasporto nei mezzi pubblici? Come variano le tempistiche con orari delle corse e fermate rispetto alla fase due?

Viaggiare in bus ha obblighi e regole dettate Andiamo a fare chiarezza su questi aspetti legati al mondo dei trasporti essenziale per collegare l’intero Paese.

Per tanto oggetto del nostro focus saranno tutte le informazioni e linee guida su orari, fermate e regole comportamentali (compreso l’uso dei DPI). Un insieme di indicazioni utili per la sicurezza dei passeggeri e dei lavoratori che operano nel settore sopracitato. Autobus, metropolitane e treni al centro della nostra disamina per viaggiare in maniera idonea lungo il territorio a giugno 2020.

Come funzionano gli spostamenti: autobus metro e treni, fase 3 dell’emergenza Covid-19

Vediamo dunque come funzionano gli spostamenti in bus metro e treni dalla fase 2 di maggio 2020 alla fase 3 di giugno 2020 post Covid-19. La dura condizione di lockdown che ha interessato il nostro Paese sta pian piano rientrando e con essa si allarga la libertà d’azione cittadina. In tale ottica rientra anche la circolazione lungo il territorio (vedesi lo sblocco degli spostamenti tra regioni). In un contesto simile è ovvio che diventino fondamentali i mezzi di trasporto per collegare ciascuna regione. Ma come funzionano gli spostamenti in autobus, metropolitane e treni con la fase 3? Cosa cambia rispetto alla fase due e quali le regole da rispettare per tutte le persone che usano i mezzi pubblici con il coronavirus?

Occorre prima di tutto specificare che la normativa vigente per la circolazione urbana e veicolare è stata varata già da tempo con il DPCM del 17 Maggio. In esso, infatti, sono presenti tutte le linee guida per il corretto comportamento durante gli spostamenti per lavoro o per altri motivi. Che siano in auto, moto o con i mezzi pubblici, poco cambia, poichè permangono gli stessi vincoli. Su tutti l’uso dei DPi (mascherine e guanti) e ove possibile del distanziamento sociale. Certamente quest ultimo è difficile da tenere sui veicoli, poichè lo spazio ridotto non permette una giusta prossimità. Proprio per questo sono subentrate delle limitazioni imposte dal decreto con una riduzione della capienza degli abitacoli. Nella fattispecie, autobus metro e treni sono tenuti ad ospitare la metà dei passeggeri normalmente trasportati.

Misure, queste, che vanno a sopperire ad una mancata possibilità di osservanza delle norme anti-contagio. Anche le fasce orarie e il numero di corse è stato inizialmente dimezzato per poi essere riportato man mano alla sua capacità massima. Ciò anche grazie al miglioramento della curva epidemiologica e dell’indice rt di diffusione virale. Un incremento del numero di corse dovuto anche alla rinnovata mobilità infraregionale nuovamente consentita.

Come funziona lo spostamento tram e bus nella fase 3 del Coronavirus

Concentriamoci ora su come funziona lo spostamento in tram ed autobus durante la fase 3. Fermo restando che sono da tenere in primaria considerazione i dispositivi di protezione personale, mascherine e guanti, c’è però dell’altro. I trasporti su ferro e gomma, infatti, sono stati toccati dalle varizioni emanate dai vari decreti governativi che si sono avvicendati nel tempo.

Seguendo le linee guida presenti in essi, è possibile dire che:

  • è obbligatorio l’uso di mascherine e guanti
  • bisogna tenere la distanza di almeno un metro sia in attesa del mezzo che su di esso
  • vi è un numero definito di passeggeri massimo da poter trasportare
  • il conducente può decidere di non effettuare fermate laddove raggiunta la capienza massima di sicurezza
  • i passeggeri devono salire e scendere dal mezzo di trasporto da accessi separati (porta anteriore e posteriore ad esempio)
  • occorre osservare la segnaletica per l’occupazione dei posti a sedere
  • la prenotazione digitale del biglietto è preferibile ove possibile (per evitare contatti)

Istruzioni e regole per spostamenti autobus metro e treni nella fase 3

Riepiloghiamo di seguito le regole da rispettare per gli spostamenti in bus metro e treni nella fase 3:

  • uso obbligatorio di guanti e mascherine
  • rispetto del distanziamento sociale (1 metro almeno) sia durante l’attesa del mezzo di trasporto che a bordo
  • occupazione dei posti a sedere secondo la segnaletica presente sul mezzo
  • salita e discesa dai mezzi tramite accessi separati (porte anteriori e posteriori)
  • prenotazione del biglietto digitale ove possibile (per evitare contatti)
  • igienizzazione frequente delle mani
  • fornire auto-segnalazione in caso di positività per lo spostamento (interno alla regione o infraregionale)
© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto