Responsabilità penale del docente e dirigente scolastico per Covid

Dalila D'Andrea 21 Settembre 2020

Ecco cosa prevede la responsabilità penale del docente e del dirigente scolastico quando uno studente si ammala per Covid-19 e in caso di contagio da Coronavirus: il punto dell'avvocato Cecchino Cacciatore.

La riapertura della scuola è stato oggetto di numerosi dibattiti. Seppur sia presente una normativa indicata dal Miur, un “protocollo di sicurezza” delle scuole contro il Coronavirus, sono tanti i dubbi che attanagliano il personale scolastico, sul quale ricadono nuove responsabilità. Si tratta di nuove regole, obblighi e norme anti Covid, che se non rispettare, non solo mettono a rischio la sicurezza degli studenti, ma comportano anche pene e sanzioni. La responsabilità penale del docente con il Covid-19, ma anche dei presidi o dirigenti scolastici, entro quali limiti ricade? Certamente la responsabilità civile e penale dei presidi è diversa da quella di docenti e professori e personale ATA.

Ed in caso di contagio a scuole da parte degli studenti, docente e preside hanno entrambi responsabilità penali diverse, in relazione alle funzioni svolte all’interno dell’istituto scolastico. La disciplina normativa in  materia di sicurezza anti Covid-19 aiuta a fare chiarezza. E per sapere cosa  deve fare uno studente in caso di contagio a scuola, o un genitore se il figlio è  stato contagiato in classe, ci siamo rivolti ad un professionista. Se non sono rispettate le norme anti Covid a scuola, bisogna far valere i propri diritti. Lavvocato penalista Cecchino Cacciatore e il praticante avvocato Costantino Luciano hanno fatto chiarezza circa la responsabilità penale e civile del docente in materia di sicurezza specifica in ordine all’emergenza epidemiologica.

Coronavirus, responsabilità penale del docente a scuola su alunno contagiato da Covid-19

Cosa devono fare professori e presidi per evitare di essere denunciati e chiamati a rispondere in sede penale in caso di infortunio da Covid di uno studente?

“Possiamo leggere la risposta nella nota esplicativa del 20.08.2020 inviata dal Ministero dell’Istruzione. Vi è scritto che gli obblighi da parte del Dirigente Scolastico sono assolti e, pertanto, quest’ultimo non sarà punibile, in caso di attuazione delle misure previste dai Protocolli di sicurezza. Meritevoli di attenzione sono le linee guida operative per la gestione di casi e focolai di SARS CoV-2 elaborate dall’Istituto Superiore di Sanità (n. 58/2020). Queste sono anche richiamate dall’art. 1, comma 4 lett. a del DPCM del 7 settembre 2020. Pertanto, l’adempimento dei doveri d’ufficio da parte dei Dirigenti Scolastici rappresenta, di fatto, la garanzia rispetto a qualsivoglia diffida.” -spiegano l’avvocato Cecchino Cacciatore e il praticante avvocato Luciano Costantino.

Come devono comportarsi docenti e dirigenti scolastici in caso uno studente si ammala di Covid 19, quale responsabilità penale in capo al preside e professore a scuola?

L’attuazione pedissequa delle linee guida può ridurre il rischio di trasmissione in ambito scolastico. Tuttavia, non può azzerarlo. Ciò che è importante è la conformità della proprie condotte alle linee guida. Non vi è dunque una “obbligazione di risultato”, bensì una “obbligazione di mezzi”. A tal proposito, le linee guida hanno delineato vari moduli di gestione. Questi variano a seconda del soggetto che presenta l’insorgenza di una sintomatologia (alunno o personale scolastico). Non solo, dipendono anche dal luogo in cui questo accade (scuola o a casa).” – chiariscono l’avvocato Cacciatore e il suo collaboratore –

Obblighi del docente sul dirigente scolastico in caso di Covid

Cosa accade qualora uno studente si ammala di Covid e dunque nel caso di contagio da Coronavirus di in alunno a scola, cosa deve fare un professore.

“L’operatore scolastico dovrà segnalarlo al “referente scolastico covid-19”. Quest’ultimo chiamerà i genitori. L’alunno attenderà in un’area predeterminata e separata con mascherina chirurgica (se ha un’età superiore ai 6 anni e se la tollera). Qui sarà assistito da un operatore scolastico, anch’esso con mascherina chirurgica. Una volta prelevato l’alunno, bisognerà pulire e disinfettare l’area di degenza. I genitori, poi, dovranno contattare il Pediatra di Libera Scelta o il Medico di medicina generale. Questi valuterà clinicamente il caso. In caso di prescrizione del test diagnostico, il medico lo comunicherà al Dipartimento di Prevenzione. Questo, poi, provvederà all’esecuzione.” -spiegano prontamente l’avvocato Cecchino Cacciatore e il collaboratore del suo studio legale Costantino -.

“Se il test è positivo, si notifica il caso. Si avvia la ricerca dei contatti. Prendono avvio le azioni di sanificazione straordinaria della struttura scolastica. Il referente scolastico fornisce al Dipartimento di Prevenzione l’elenco dei compagni di classe. Dovrà anche riferire su quali insegnanti sono stati a contatto con il ragazzo nelle 48 ore precedenti all’ insorgenza dei sintomi. I contatti stretti saranno posti in quarantena per 14 giorni dalla data dell’ultimo contatto con il caso confermato. Se il tampone è negativo, l’alunno dovrà ripetere il test a distanza di 2-3 giorni. Dovrà restare a casa fino a guarigione clinica e a conferma negativa del secondo test. Nel caso in cui l’alunno presenti una sintomatologia Covid-19 a casa, l’alunno deve restare nella stessa. I genitori provvederanno a completare la procedura di cui sopra.” – fanno sapere i professionisti in materia penale -.

Cosa accade se a presentare sintomi da Covid è un operatore scolastico in questo caso cosa deve fare un preside in qualità di dirigente di lavoro?

“Dovrà indossare la mascherina, tornare a casa e completare la sopraindicata procedura. Se l’operatore scolastico presenta sintomatologia covid a casa dovrà contattare il medico. Poi dovrà comunicare l’assenza dal lavoro per motivi di salute con certificato medico e completare l’iter.” – chiarisce l’avvocato Cacciatore. –

Responsabilità penale del dirigente scolastico per contagio da Covid

Si incorrerà in responsabilità penale a scuola in caso di:

  • non individuazione del “referente scolastico covid-19 o di persona a ciò preposta.
  • mancato allestimento della stanza di degenza.
  • mancato accompagnamento del minore con sintomatologia covid-19 nella predetta stanza.
  • contatto con il minore senza mascherina.
  • altre inosservanze della predetta procedura.

“Come descritto anche nella Circolare INAIL n. 22 del 20 maggio 2020 il dirigente scolastico potrà essere indagato al fine di verificare il rispetto delle linee guida.” – fanno sapere gli avvocati penalisti –

Quando si può dire che c’è responsabilità penale del dirigente scolastico?
“Nel caso in cui, se il dirigente scolastico avesse adottato i dovuti accorgimenti, quel determinato caso o contagio non si sarebbe verificato.”

Naturalmente, la situazione sarebbe stata differente se sotto accusa ci fosse stato un datore di lavoro, piuttosto che un dirigente scolastico.

“Si consiglia al personale scolastico di mantenere alta la soglia di attenzione. È fondamentale attenersi pedissequamente alle linee guida. Inoltre, consigliamo di aggiornarsi costantemente per eventuali modifiche delle procedure. Queste,infatti, sono suscettibili di evoluzione a seconda delle esperienze empiriche e scoperte scientifiche.”– conclude l’avvocato Cecchino Cacciatore ed il suo collaborare Costantino Luciano -.

© Riproduzione Riservata
avatar Dalila D'Andrea Diplomata al liceo linguistico con 100 e lode, frequento il primo anno all'università Alma Mater Studiorum di Bologna. Ho 18 anni e amo confrontarmi con realtà nuove, viaggiare ed esplorare l'inesplorabile. Per questo scrivo per Controcampus. Amo avventurarmi al di là della mia comfort-zone e credo fortemente nel potere della comunicazione e della circolazione libera delle idee. Per questo mi è stata affidata anche la rubrica Il Professionista, dove curo interviste con personaggi di spicco del mondo del lavoro e della ricerca. Ognuno di noi ha una storia da raccontare; io fornisco la possibilità di farlo. Tra le mie interviste troverete consigli validissimi e opinioni di esperti professori, ginecologi, pediatri, psicologi, avvocati e tanto altro ancora! Sono appassionata di scrittura e sto lentamente esplorando il mondo del giornalismo, che mi ha sempre affascinata. Quando scrivo seguo sempre una celebre regola d'oro: l'interessante per mezzo, l'utile per scopo e il vero per soggetto. Leggi tutto