• Scorza
  • Mazzone
  • Miraglia
  • Quaglia
  • Romano
  • Dalia
  • Barnaba
  • Cacciatore
  • Buzzatti
  • Valorzi
  • Coniglio
  • Cocchi
  • Romano
  • Andreotti
  • Crepet
  • Paleari
  • Baietti
  • Meoli
  • Santaniello
  • Chelini
  • De Leo
  • Ward
  • Gnudi
  • Grassotti
  • Pasquino
  • Falco
  • Rinaldi
  • Bonanni
  • Napolitani
  • De Luca
  • Rossetto
  • Casciello
  • Boschetti
  • Califano
  • Leone
  • Bruzzone
  • Bonetti
  • Tassone
  • Liguori
  • Alemanno
  • Quarta
  • Algeri
  • Carfagna
  • di Geso
  • Gelisio
  • Catizone

Lavorare a La Stampa: come fare, candidatura e stipendio

Daniela Attanasio 29 Marzo 2021
D. A.
26/07/2021

Come fare per lavorare a La Stampa, offerte di lavoro e come inviare la candidatura spontanea, recensioni dei dipendenti e stipendio di chi lavora nella redazione.

Parliamo di un quotidiano che ha sede a Torino. Fondata nel 1867 da Vittorio Bersenzio, presentava all’inizio il formato berlinese a sei colonne sotto il nome de “Il Gazzettino Piemontese”. Attualmente il Direttore è Massimo Giannini e presenta numerosi inserti: Tuttolibri, che approfondisce recensioni su libri e cultura. Tuttoscienze, che si sofferma sulla divulgazione scientifica, Tuttosoldi, che riguarda l’economia. Poi Tuttosalute, Tuttigusti, Origami e a Torino (Torino Sette).

Veniva gestita da l’Editrice La Stampa, la società di John Elkann, che nel 2014 si fonde con Società, Edizioni e Pubblicazioni di Carlo Perrone, editrice del quotidiano Secolo XIX formando una nuova società. Si tratta di Italiana Editrice Spa, che nel 2016 viene accorpata al Gruppo Editoriale L’Espresso e cambia il nome in GEDI Gruppo Editoriale Spa. Per la pubblicazione dei quotidiani, tra i quali La Stampa, viene creato un nuovo gruppo, GEDI News Network. Fanno parte della GEDI Gruppo Editoriale anche tre radio: Radio Deejay, Radio Capital e Radio M2O

Per questo motivo la GEDI Gruppo Editoriale è la società che si occupa delle assunzioni e gestisce le offerte di lavoro. Ecco alcuni consigli su come lavorare a La Stampa, come trovare offerte di lavoro e inviare candidatura spontanea alla sezione Job Lavora con noi. Arricchiscono alcune opinioni dei dipendenti.

Lavorare a La Stampa: compilare modulo lavora con noi e inviare candidatura spontanea

I candidati che aspirano a lavorare a La Stampa devono rivolgersi al GEDI Gruppo Editoriale, che è la società che si occupa della gestione di molti quotidiani, tra cui appunto La Stampa, avente sede a Roma.

Accedendo al sito della società, oltre a visualizzare una panoramica dei quotidiani gestiti, c’è la sezione Lavora con noi. Qui c’è la voce Ricerche in corso, che permette di visualizzare le posizioni aperte. C’è anche una sezione dedicata ai candidati, per chi ha già un suo account e vuole aggiornare i propri dati. In ultimo, c’è anche la sezione Candidatura spontanea, per compilare il modulo e aggiungere tutte le informazioni utili inerenti alla propria formazione ed esperienze lavorative. In questo form è obbligatorio allegare oltre al curriculum vitae, anche la lettera di presentazione in cui si delineano le principali motivazioni che spingono il candidato a inviare la candidatura spontanea.

Requisiti lavoro La Stampa, carriera e stipendio

Le recensioni dei dipendenti aiutano a capire come è strutturato il lavoro. Ci sono collaborazioni esterne, per le quali non è indispensabile la presenza in ufficio. Mentre per quanto riguarda i giornalisti della redazione principale, questi devono partecipare attivamente alle attività previste dall’organigramma. Si tratta di un ambiente stimolante in cui il lavoro di squadra è alla base della buona riuscita di tutto il quotidiano.

Per lavorare a La Stampa bisogna essere dei professionisti. Per diventare giornalista pubblicista bisogna conseguire l’iscrizione all’Ordine dei giornalisti pubblicisti. Sostanzialmente si tratta di un lavoratore autonomo che può svolgere attività continuativa anche se esercita altre professioni. Sono giornalisti professionisti , invece, coloro i quali svolgono esclusivamente attività giornalistica. Anche in questo caso c’è bisogno dell’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti.

Per chi è già giornalista, c’è la possibilità di fare il caporedattore della redazione, figura professionale che redige e revisiona l’operato riguardante una particolare tematica. Si occupa anche della redazione e anche della parte grafica. Lo stipendio di un giornalista regolarmente assunto si aggira intorno ai 1500 euro mensili.

Guida per come lavorare a La Stampa: cosa fare e cosa no

I candidati che hanno la passione per la scrittura e che sono già iscritti all’Ordine dei giornalisti, possono presentare la propria domanda a una delle redazioni più importanti sul territorio italiano, come La Stampa. Le assunzioni le gestisce la società GEDI Gruppo Editoriale, gestita dalla famiglia Agnelli.

Per questo motivo, chi vuole candidarsi per La Stampa, ecco i passi da seguire:

  • accedere al sito Gedispa.it
  • cliccare sulla sezione Lavora con noi
  • accedere alle sezioni dedicate: Ricerche in corso, che permette di visualizzare le posizioni aperte, o candidatura spontanea, in cui è possibile compilare un modulo allegando curriculum vitae e lettera di presentazione.
  • è possibile anche aggiornare il proprio curriculum nella sezione Area Candidati
Scheda Azienda
Quotidiano che ha sede principale a Torino. Fondato da Vittorio Bersenzio, La Stampa ha ora come Direttore Massimo Giannini, noto giornalista e conduttore televisivo. L'editore che gestisce il quotidiano è la GEDI Gruppo Editoriale
Nome AziendaLa Stampa
Settoregiornalismo
Regioni in cui è presentePiemonte, Val d'Aosta, Lombardia, Liguria e Lazio
Requisiti per lavorareiscrizione all'Ordine dei Giornalisti, passione per la scrittura
Contatti - Lavora con noihttps://gedispa.altamiraweb.com/
Anagrafica Principale
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Daniela Attanasio Laureata in traduzione specialistica con la passione per la fotografia, mi occupo della redazione di articoli aventi come argomento le serie TV, da sempre mie fedeli compagne di vita. In particolare, prediligendo serie TV anglofone, mi focalizzo sulle recensioni di serie che hanno segnato la storia della televisione e di fornire anticipazioni di nuovi episodi dando succulenti spoiler al telespettatore più curioso. Oltre a migliorare le competenze linguistiche, spesso le serie TV danno dei veri e propri insegnamenti di vita. Il mio obiettivo è quello di scorgere la bellezza ovunque si trovi, anche in una serie TV Leggi tutto