• Google+
  • Commenta
22 gennaio 2014

Università Insubria: Afinsubria, formazione nelle scienze della vita

Università INSUBRIA Varese-Como – Nasce a busto arsizio “afinsubria”: alta formazione nelle scienze della vita

Università Insubria

Università Insubria

È online sul sito Afinsubria il calendario delle iniziative in programma per il 2014

Alta formazione nel settore delle Scienze della Vita, funzione di collegamento tra Ateneo e territorio e promozione della divulgazione scientifica: è triplice la mission del neonato progetto “AFInsubria”, sorto dalla convezione tra il Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate dell’Università Insubria, e la società D’Urso & Fanali s.r.l., con il patrocinio del Comune di Busto Arsizio.

Il progetto nasce con l’obiettivo di realizzare percorsi qualificanti di formazione avanzata tecnico-scientifica con la progettazione di eventi, come seminari, giornate divulgative, scuole, al fine di potenziare le competenze professionali e favorire l’inserimento nel mondo del lavoroResponsabile del progetto per l’Università Insubria è il professor Mauro Fasano, docente di Biochimica; coordinatrice è la dottoressa Gabriella Fanali.

«AFInsubria risponde alla cosiddetta terza missione dell’Università – spiega il professor Mauro Fasano – ossia, dopo insegnamento e ricerca, quella del trasferimento tecnologico attraverso deposito di brevetti e creazione di nuove realtà imprenditoriali. Questo progetto, che non comporta costi per l’Ateneo, si propone come strumento di cooperazione fattiva non soltanto tra Università Insubria e Comune ma anche con altri attori presenti sul territorio, come la Fondazione “Scuola di Medicina Carnaghi e Brusatori – Onlus” di Busto Arsizio».

Il progetto dell’Università Insubria si rivolge a tutte le figure che gravitano nel settore delle Scienze della Vita: medici, tecnici di laboratorio, ricercatori, dottorandi, post doc, sia già operanti in questo settore e che desiderano migliorare la propria specializzazione, oppure intenzionati a inserirsi professionalmente in questo ambito. L’accordo di programma con la Fondazione “Carnaghi-Brusatori”, provider di crediti della Regione Lombardia, permette ad AFInsubria di fornire ai partecipanti alle iniziative i crediti Educazione Continua in Medicina della Regione Lombardia.

È già stabilito il calendario per le attività del 2014 ed è on line sul sito Afinsubria: «per ciascuna iniziativa individuiamo un direttore scientifico al quale diamo piena libertà nell’organizzazione scientifica dell’evento – spiega la dottoressa Fanali – . Si tratta di scienziati ddell’Università Insubria o provenienti da altri Atenei e centri di ricerca italiani. AFInsubria offre il supporto organizzativo a titolo non oneroso: i partecipanti pagano una quota di iscrizione, agevolata per i ricercatori dell’Università Insubria o per gli iscritti alle Società che di volta in volta patrocinano le iniziative».

Il primo incontro in programma è il 17 febbraio 2014 sulla “Cromatografia”:  una tecnica di analisi di miscele e composti vari che trova applicazione in diversi campi, ambientale, alimentare, industriale, medico e biotecnologico. Direttore scientifico dell’iniziativa è il professor Carlo Dossi, presidente del corso di laurea in Scienze Ambientali dell’Università Insubria. L’iniziativa è patrocinata dallaSocietà Chimica Italiana e dall’Associazione Italiana di Proteomica. 

A seguire il 14 marzo una giornata dedicata alla “Citometria a flusso” è destinata ad approfondire sia le metodiche di base sia le applicazioni più complesse di questa tecnica usata per le analisi di cellule – del sangue, tumorali, staminali, etc – che trova applicazione in ambito  oncologico, ematologico e immunologico, sia nella ricerca di base che nella clinica. Una parte dell’incontro sarà dedicata al “citometrista”, una nuova figura che sarà definita e collocata in un apposito albo. L’iniziativa è in collaborazione con il Gruppo Italiano di Citometria (GIC): direttore scientifico del workshop è  il dottor Eugenio Erba dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”.

Ad aprile è in programma una giornata dedicata a “Sport e alimentazione” indirizzata a dietologi, nutrizionisti, personal trainer e studenti del corso di laurea in Scienze Motorie, e incentrata sull’aspetto dell’alimentazione in diversi ambiti dal punto di vista nutrizionale e sportivo.

Il 17 maggio sarà la volta di una iniziativa a carattere divulgativo pensata in due sessioni, una aperta ai soli tecnici, e l’altra anche ai non addetti ai lavori. Il tema è di grande attualità: “L’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana”, con particolare riguardo al caso di Taranto e agli Aeroporti.

Dal 26 giugno al 12 luglio ritornerà la seconda edizione della “Scuola di Bioinformatica”, che, svoltasi per la prima volta nel 2013 a Busto Arsizio dopo il trasferimento da Torino, ha richiamato a Busto ricercatori provenienti da alcuni dei maggiori centri di ricerca nazionali. L’iniziativa si rivolge a ricercatori, tecnici, dottorandi e laureati in discipline scientifiche dei corsi di laurea magistrale delle Classi di Biologia, Chimica, Medicina, Professioni Sanitarie, Biotecnologie e Farmacia interessati ad affrontare le problematiche di utilizzo della “Bioinformatica” disciplina relativamente nuova che consiste nella applicazione di strumenti informatici alle scienze biologiche.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy