• Google+
  • Commenta
26 febbraio 2014

Stazione Biologica Meteo Climatica dell’Unimore in Costa Rica

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia – Stazione Biologica Meteo-climatica dell’Unimore in Costa Rica

Stazione Meteo Unimore

Stazione Meteo Unimore

Ponte fra Modena e Costa Rica: una stazione biologica meteo-climatica, chiamata “Italia”, suggella un progetto di cooperazione avviato fin dal 1993.

La costruzione di fondamentale importanza scientifica, realizzata nel cuore della riserva naturale Karen Mogensen, ha visto attivi nella sua installazione ricercatori dell’Unimore e le Guardie Ecologiche Volontarie di Modena, che hanno avuto sostegno da imprese modenesi e dall’Associazione costaricense Asepaleco. L’inaugurazione sabato 1 marzo.  

Una Stazione Biologica Meteo-climatica sperimentale, denominata “Italia”, frutto della cooperazione italiana e realizzata grazie alla collaborazione ed al lavoro di ricercatori dell’Unimore e di volontari modenesi, è stata costruita in  Costa Rica. La struttura nel cuore della Riserva naturale Karen Mogensen sarà inaugurata alla presenza del Vice Presidente della Repubblica di Costa Rica dott. Alfio Piva, del Ministro dell’Ambiente di Costa Rica dott. René Castro e dell’Ambasciatore italiano in Costa Rica dott. Francesco Calogero sabato 1 marzo 2014.

Il progetto di costruzione dell’Unimore è iniziato nel febbraio 2011, sostenuto attraverso un primo finanziamento di alcune imprese modenesi e si è concluso grazie all’impegno dell’Associazione GEV Modena e dell’Associazione locale Asepaleco che ha messo a disposizione il terreno, legname da costruzione e tutta la logistica.

Scopo della struttura – spiega il prof. Dario Sonetti dell’Unimore, animatore della iniziativa – è fornire una base logistica attrezzata per ricercatori e studenti italiani e costaricensi per lo studio e la didattica dell’ecosistema forestale tropicale e della sua preziosa biodivesità minacciata dai cambiamenti climatici in atto anche in questa parte del mondo. Per questo, oltre che di strumentazione per la ricerca biologica, sarà dotata di apparecchiature per la rilevazione dei dati metereologici e dei flussi di gas tra foresta e atmosfera con tecnologie all’avanguardia”.

La costruzione dell’Unimore, immersa nella foresta tropicale, realizzata in legno, dotata di pannelli fotovoltaici e di una parabola per la comunicazione satellitare, è costituita da una piattaforma di 160 mq a 4 metri d’altezza e ospiterà un laboratorio scientifico, uno studio, un alloggiamento per i ricercatori e una saletta riunioni. All’esterno una stazione di telerilevamento meteo climatico.

La Stazione ha avuto il patrocinio dell’Unimore, della Società dei Naturalisti e Matematici di Modena e delle Ambasciate dei rispettivi Paesi.

La decisione di installare in questo paese del centro America la nuova stazione muove in continuità con un progetto di cooperazione internazionale decentrata per la conservazione ambientale e della biodiversità, che vede Modena, attraverso l’impegno e l’apporto di docenti dell’Unimore e Reggio Emilia ed il sostegno finanziario delle Province di Modena, Parma e Ferrara, presente in Costa Rica fin dal 1993, allorché si avviò la creazione della Riserva Karen Mogensen, di oltre 900 ettari, gestita dall’Associazione locale Asapaleco, con la quale le Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Modena hanno firmato un accordo denominato “Foreste per sempre”.

La Riserva – spiega il prof. Dario Sonetti dell’Unimore costituisce oggi una parte importante del corridoio biologico che attraversa la penisola di Nicoya, grazie all’opera di rigenerazione forestale effettuata che ha permesso un ripristino dell’ecosistema naturale ed il ritorno ad un alto grado di biodivesità.

 Ma a livello scientifico non si hanno conoscenze circa le possibili ricadute sulla biodiversità e sulle attività umane, soprattutto legate all’agricoltura locale, che possono essere causate dai cambiamenti climatici in atto. La nuova stazione consente ora di poter colmare questo gap e di fornire preziose informazioni agli scienziati”.

COSTA RICA – La Costa Rica, piccolo Paese centroamericano, ha assunto, negli ultimi decenni, un importante ruolo come esempio di sviluppo ecosostenibile per tutta l’area del Neotropico. E’ un paese che, pur facendo parte dei paesi in via di sviluppo, ha sempre avuto un alto tasso democratico e tra l’altro ha rinunciato alle forze armate fin dal 1948, investendo in educazione e sanità. La credibilità acquisita a livello internazionale ha permesso al paese di farsi promotore e realizzatore di attività di difesa e utilizzo ecosostenibile delle risorse naturali, nei confronti di paesi circostanti afflitti da gravi problemi di degrado ambientale e socio-economico.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy