• Google+
  • Commenta
12 marzo 2014

Facoltà di Design e Arti Unibz alla Fiera Arredo 2014

Facoltà di Design e Arti Unibz

Libera Università di Bolzano – Continua la proficua collaborazione tra la Facoltà di Design e Arti Unibz e la Fiera Arredo: l’edizione di quest’anno vedrà tra i protagonisti un centinaio di progetti realizzati tra le mura dell’Unibz.

Facoltà di Design e Arti Unibz

Facoltà di Design e Arti Unibz

I padiglioni principali della fiera sono stati riorganizzati sulla base di un criterio tematico: al centro di ciascun settore trovano posto vere e proprie piazze che ospitano le attività collaterali della fiera: esposizioni, workshop, ecc.

Si comincia dal settore outdoor, dove la studentessa Marianna Carazzai presenta la sua “Hittl”, un kit di una casetta in legno d’abete che i bambini, con l’aiuto di un adulto, possono facilmente montare.

Una volta assemblata però non si avrà una casetta finita, ma solo la sua struttura, che i bambini con materiali di fortuna e tanta fantasia, possono completare a loro piacimento.

Il settore cash & carry ospita 8x faszination – gioielli contemporanei in Alto Adige, un’escursione nella realtà del gioiello contemporaneo in Alto Adige, vista attraverso gli occhi di un designer. Il prof. Kuno Prey, product designer, ha selezionato alcuni lavori di spicco che si distinguono per l’impiego di materiali inconsueti, come l’alluminio, la carta da giornale, i materiali plastici, la carta pesta, accanto ai più comuni metalli preziosi come l’argento e l’oro. Ogni singolo pezzo è stato realizzato con grande capacità manuale o con l’impiego di tecniche automatizzate e innovative come quella del rapid prototyping. I progetti realizzati sono di Marta Angelini, Gianluca Bartellone, Azusa Fukawa, Tim Illner, Nicole Nitz & Sandro Schieck, Harry Thaler e Gabi Veit.

Il salone dedicato al design sostenibile vede tra i suoi protagonisti gli studenti del progetto handgemacht guidato dal prof. Kuno Prey con una collezione di oggetti “fatti a mano”, nata dalla collaborazione tra studenti e contadini/artigiani.

Nella piazza dell’Architettura atterrerà D.E.M., il Dream Excursion Module, tesi di laurea di Joachim Falser , che si affiancherà a ApfelKern – nucleo meditativo, un’unità di seduta mobile e componibile progettata e realizzata dagli studenti dell’Unibz Tommaso Cazzaro, Nicolò De Biasio e Alexander Indra recuperando vecchie casse di legno per la raccolta delle mele.

Nell’area D2C designer to consumer sarà invece in mostra DANNEGGIATO, INCOMPLETO, INCOMPIUTO, a cura del docente Simone Simonelli: un’esposizione di oggetti danneggiati, incompleti o incompiuti, riportati in vita dagli studenti della Facoltà progettando ciò che mancava, attraverso un processo che si muove tra la riparazione, il re-design e l’hacking, grazie all’ausilio di una stampante 3D. Sabato 22 marzo dalle 12 alle 18 sarà possibile partecipare al workshop Repair, Redesign, Hack! con Simonelli e gli studenti, dove sarà possibile portare un oggetto danneggiato, a cui manca una parte, oppure un oggetto che si pensa si possa migliorare per riportarlo in vita disegnando e costruendo ciò che manca con l’ausilio di una stampante 3D.

Inoltre, tra i partecipanti del concorso D2C-Award, patrocinato da ADI – Associazione per il Disegno Industriale – Delegazione Veneto, Trentino e Alto Adige figurano 3 studenti e laureati della Facoltà di Design e Arti: Anna Matosova con Lulka, culla vincitrice del concorso “Cullami” bandito da Cortina Turismo, Andreas Trenker con Transparente, una collezione di caraffe realizzate in collaborazione con Vetroricerca con le quali si vuole rivalutare l’acqua potabile delle nostre sorgenti, e infine la tesi di laurea di Chiara Perissinotto, FIDO, un mobile da salotto che si propone di integrare lo spazio del padrone con quello del cane.

Tengo a ringraziare la Fiera di Bolzano per l’opportunità che offre ai nostri studenti di confrontare i loro progetti con il mondo reale, come lo spirito della Facoltà di Design e Arti”, sottolinea il Prof. Kuno Prey, “è dal 2006 che progetti dei nostri studenti sono esposti all’Arredo, ma mai come quest’anno spaziano dal pratico all’utopico, da dolci in miniatura da portare al dito, alle caraffe fino al modulo abitativo per sognatori.”

Arredo 2014 è aperta al pubblico dal 14 al 16 marzo e il 22-23 marzo; venerdì 14 marzo l’ingresso è libero.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy