• Google+
  • Commenta
4 luglio 2014

Leucemia, ricerca e cura dall’Università di Modena e Reggio Emilia

Microfisica e macrofisica all'Unisannio

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia – Ricerca prof.ssa Marmiroli su Leukemia

Ricerca Leucemia

Ricerca Leucemia

Uno studio sulla risposta terapeutica a trattamenti in uso per la cura della leucemia acuta mieloide cattura l’interesse della rivista Leukemia.

Ne sono principali autrici la prof.ssa Sandra Marmiroli e la dr.ssa Jessika Bertacchini dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

La ricerca sulla leucemia evidenzia come la somministrazione di inibitori di alcuni enzimi, a scopo terapeutico, possa in realtà innescare meccanismi di adattamento ai farmaci delle cellule tumorali. I risultati riportati potrebbero essere molto utili alla ricerca clinica nel campo delle leucemie.

Ricerca sulla Leucemia dall’Unimore

Uno studio di ricercatori dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia sulla leucemia acuta mieloide è stato pubblicato sulla rivista scientifica Leukemia. La ricerca dal titolo“Identificazione di meccanismi di retroazione e adattabilità della via disegnale PI3K/Akt/mTOR nella Leucemia Acute Mieloide attraverso l’uso di inibitori specifici e analisi fosfoproteomica”, è stata condotta in prima persona da una giovane assegnista di ricerca, la dott.ssa Jessika Bertacchini, che si è potuta avvalere della collaborazione di un gruppo di studiosi di base e clinici, coordinati dalla prof.ssa Sandra Marmiroli dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

Lo studio è stato condotto in vitro, su cellule di leucemia acuta mieloide, allo scopo di predire la risposta del paziente ad un potenziale trattamento farmacologico con “kinase inhibitor therapy”. Questa terapia è basata sull’utilizzo di inibitori di alcuni enzimi, le proteinchinasi, spesso attivati in modo anomalo nei pazienti affetti da leucemia. In particolare, nello studio sono stati utilizzati inibitori delle proteinchinasi PI3K, Akt e mTOR, attualmente in uso clinico o in trial clinico per questa e altre patologie.

Contrariamente a quanto finora sostenuto da numerose pubblicazioni, lo studio sulla Leucemia ha stabilito che la somministrazione di queste molecole può innescare meccanismi di adattamento, che in brevissimo tempo rendono le cellule tumorali resistenti al farmaco. Combinando

Fosfoproteomica e test biochimici, lo studio ha identificato alcuni meccanismi molecolari alla base del fenomeno di adattamento ed ha stabilito che tali meccanismi sono in larga parte dipendenti da alcune caratteristiche molecolari individuali del paziente, caratteristiche in grado di modificare la risposta terapeutica.

Lo studio, che sottolinea l’importanza della caratterizzazione dei profili fosfoproteici individuali, oltre che delle analisi citogenetiche, nella personalizzazione della terapia, dimostra che, almeno in vitro, l’efficacia del trattamento può essere ripristinata associando un altro farmaco che tenga conto delle caratteristiche molecolari del singolo paziente.

La collaborazione tra i gruppi di ricerca – afferma la prof.ssa Sandra Marmiroli dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – sta continuando, con l’obiettivo di analizzare più a fondo i meccanismi molecolari che possono favorire l’adattamento delle cellule tumorali ai farmaci e diminuirne l’efficacia e dal punto di vista della ricerca pre-clinica di proporre nuove combinazioni farmacologiche che tengano conto di tali meccanismi”.

Il gruppo di lavoro ha visto coinvolti la giovane ricercatrice dott.ssa Jessika Bertacchini, la dott.ssa Marianna Guida e la dott.ssa Laura Mediani del laboratorio di Trasduzione del Segnale del Dipartimento Chirurgico, Medico, Odontoiatrico e di Scienze Morfologiche, diretto dal prof Anto De Pol, nonché altri ricercatori italiani e stranieri quali: il dott. Fabio Forghieri e il prof Mario Luppi, Direttore del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Materno-Infantili e dell’Adulto dell’Ateneo; la dott.ssa Benedetta Accordi e il prof. Giuseppe Basso dell’ Università di Padova, i proff. Alberto Martelli e Lucio Cocco dell’Università di Bologna, e i dottori Lance Liotta ed Emanuel Petricoin del Centro di Proteomica della George Mason University (USA), dove la dott.ssa Jessika Bertacchini si è recata nella fase iniziale del progetto per apprendere la tecnica della reverse phase protein array, grazie anche ad un co-finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

Sandra Marmiroli

Dal 2002 professore associato presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. Educazione ed esperienza professionale: 1985-86, Fellow presso il Dipartimento di Biologia Molecolare della Hadassah Medical School, Hebrew University, Jerusalem, Israel. Nel 1988 consegue il dottorato di ricerca in Biologia Cellulare e Molecolare. Nel 1989-1990, Visiting Investigator presso il Glaxo Institute for Molecular Biology di Ginevra. Nel 1994-95, Visiting Investigator presso la Division of Signal Transduction, Dipartimento di Medicina, Harvard Medical School di Boston. Nel giugno-luglio 2005, Visiting Investigator presso il SDSU Heart Institute and Biology Department, University of San Diego, CA. Nel giugno-luglio 2008, Visiting Investigator presso il Dipartimento di Patologia del BIDMC-Harvard Medical School di Boston. Principali campi di interesse: signaling della via PI3K/Akt/mTOR con approccio di proteomica funzionale; utilizzo di inibitori farmacologici della via PI3K/Akt/mTOR a scopo terapeutico; regolazione delle diverse isoforme di Akt da parte di fosfatasi lipidiche e proteiche e ruolo nei meccanismi di invasività del carcinoma prostatico; ruolo della proteinchinasi Akt nelle laminopatie.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy