• Google+
  • Commenta
22 agosto 2014

Sciopero Scuola: mobilitazione studenti e sciopero scuola ottobre 2014

Sciopero studenti 15 e 16 novembre

Inizia la scuola e arriva il primo sciopero scuola. Riforma scolastica e sciopero scuola, questi i temi di cui abbiamo parlato con Alberto Irone, portavoce nazionale della Rete degli Studenti Medi

Sciopero Scuola 10 Ottobre 2014

Sciopero Scuola 10 Ottobre 2014

E’ stato programmato per il 10 ottobre 2014 lo sciopero scuola, è la Rete degli Studenti Medi ha lanciare questa importante iniziativa che vedrà molti studenti scendere in piazza al fine di chiedere un vero cambiamento.

“La mobilitazione e lo sciopero scuola di ottobre ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica in merito al rinnovamento della scuola e del mondo dell’istruzione in Italia, colonna portante del nostro Paese” – fa sapere l’associazione studentesca Rete degli Studenti Medi. –

Il perhè dello sciopero scuola del 10 ottobre 2014

La scuola non si adatta alle esigenze dei giovani e difficilmente li prepara adeguatamente, anche a causa dei continui tagli nell’ambito della didattica e dei continui licenziamenti di docenti; gli insegnanti che rimangono vedono aumentate le ore di lavoro senza un adeguamento nello stipendio.

In merito a questi argomenti e per conoscere il perchè dello sciopero scuola del 10 ottobre 2014, abbiamo sentito il portavoce nazionale di rete degli Studenti Medi Alberto Irone, 21enne iscritto a Scienze politiche a Padova, già coordinatore della Rete degli studenti medi per Treviso e del Veneto.

Il tema principale di questo sciopero scuola è il mancato rinnovamento del sistema scolastico di cui si ha un estremo bisogno.

Alberto Irone su Sciopero Scuola

Alberto Irone su Sciopero Scuola

Quali crede siano gli interventi più urgenti da fare sulla scuola?

“Innanzitutto è necessaria una riforma della legge nazionale per il diritto allo studio, al fine di dare la possibilità concreta a tutti di andare a scuola. Inoltre, c’è bisogno di un riordino di settori quali il funzionamento strutturale della scuola, il percorso formativo e l’alternanza scuola/lavoro. Quest’ultimo è un fattore importante per mettere in condizione gli studenti di rendere nella pratica quanto appreso nel corso degli studi e non rendere sterile quanto imparato limitandolo solo alla teoria. Vogliamo provare con questa manifestazione a smuovere le coscienze dell’opinione pubblica in merito all’importanza della scuola nel nostro Paese. Per questa ragione lo slogan scelto per la nostra manifestazione è “La grande bellezza siamo noi”: dobbiamo riscoprire la bellezza della scuola e di quanto le nostre città hanno da offrirci”.

Aumentano le ore di lavoro dei docenti ma il corpo insegnanti sembra essere sempre più ridotto. A pagarne le conseguenze sono gli studenti, sempre meno seguiti. Ritiene giusto siano aumentate le ore di lavoro dei docenti da 18 a 24 settimanali?

“Dobbiamo subito chiarire un concetto: distinzione tra ore di lavoro e ore di lezione. Durante il Governo Monti, infatti, si era parlato di un aumento delle ore di lezione frontali da assegnare ad ogni studente così da ridurre il personale docente da assumere e, dunque, una riduzione dei costi. Tale riforma non è stata mai fatta”. – dice Alberto Irone –

Sciopero Scuola

Sciopero Scuola

“Oggi si sta parlando, invece, di un aumento delle ore di lavoro: i docenti, oltre alle ore di lezione frontale, impiegano altre ore della loro settimana a riunioni, correzione compiti e preparazione delle lezioni, ore che non vengono retribuite pur essendo dedicate al lavoro”.

“Secondo l’opinione della Rete degli Studenti Medi è importante il Miur si occupi di questo argomento e si preoccupi, inoltre, di fare quanto possibile per garantire agli studenti una continuità didattica utile alla preparazione appropriata del corpo studentesco.”

Il 10 ottobre si terrà lo sciopero scuola da voi promosso, quali sono i passi successivi che intendete percorrere a seguito di questa manifestazione?

“Non ci limiteremo a quest’unico appuntamento, molti altri sono in programma nel prossimo futuro. Il passo successivo sarà la manifestazione prevista per il 17 Novembre 2014, giornata dedicata al diritto allo studio, tutto finalizzato alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica in merito alla crisi della formazione pubblica legata sia alla scuola che all’università.” – Conclude il portavoce di Rete Studenti Medi sulla questione sciopero scuola –


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy