• Google+
  • Commenta
25 gennaio 2016

Canone Rai 2016 in bolletta Enel: come non pagarlo, modulo esenzione

Canone Rai in Bolletta Enel

Ecco come funziona il canone Rai 2016 messo in bolletta Enel: chi deve pagare e come non pagarlo, scarica da qui il modulo esenzione per non pagare il canone Rai.

Canone Rai 2016

Canone Rai 2016

Dal 2016 cambiano le modalità di pagamento del Canone Rai: non più 113 euro da pagare con apposito bollettino nei primi mesi del nuovo anno, ma 100 euro che si andranno a sommare alla specifica quota dell’energia elettrica.

Quindi, il Canone Rai 2016 si pagherà unitamente alla bolletta della luce.

Ma, quando e come si dovranno pagare i 100 euro del Canone Rai? La quota, per usufruire a pieno dei servizi Rai, potrà, o meglio, dovrà essere pagata con la bolletta di luglio 2016.

Niente paura: la quota del Canone Rai è stata suddivisa in comode rate, da sommare alla bolletta dell’energia elettrica.

Perché adesso bisogna pagare il Canone Rai 2016 con la bolletta dell’energia elettrica? La risposta non è difficile da trovare.

Il Canone Rai rappresenta la tassa che i cittadini del Bel Paese odiano di più e, di conseguenza, quella più evasa. Proprio l’evasione massiccia di tale tassa ha portato il Governo, attraverso la grande manovra della Legge di Stabilità, ad accorpare il Canone Rai alla bolletta dell’energia elettrica, al fine di controllare in maniera più precisa i versamenti degli italiani ed evitare così disastrosi ammanchi nelle Casse dello Stato.

Canone Rai 2016: modalità, condizioni e soggetti esenti dal pagamento.  Scarica modulo qui

Dichiarazione sostitutiva – modulo esenzione per non pagare il canone RAI << scarica

La nuova normativa riguardante il Canone Rai, inserita nella Legge di Stabilità 2016, prevede l’inserimento della quota dello stesso, suddivisa in diverse rate, all’interno della fattura dell’energia elettrica. Ma, perché il Canone Rai è stato accorpato proprio alla bolletta dell’energia elettrica? Semplice: il solo fatto di aver stipulato un contratto per la fornitura di energia presume la presenza di un televisore all’interno dell’abitazione e il suo utilizzo da parte del proprietario.

Con la nuova normativa riguardante il pagamento del Canone della Rai non sarà più possibile chiedere il suggellamento della tv, cioè la possibilità di impacchettare il proprio televisore a dimostrazione del suo inutilizzo. Infatti, la nuova normativa prevede che dal 1º gennaio 2016, chiunque abbia un televisore, indipendentemente dal fatto che lo utilizzi o meno sarà tenuto a pagare regolarmente i 100 euro del Canone Rai 2016. Ovviamente, il Canone della Rai non dovrà essere pagato per la seconda casa.

Ma, andiamo nello specifico: chi potrà richiedere l’esenzione dal pagamento del Canone Rai? Saranno legittimati a richiedere l’esenzione:

  • coloro che dichiarano di avere almeno 75 anni di età e che dimostrino, attraverso specifiche dichiarazioni di avere un reddito annuale non superiore 6.713,98 euro. La cifra indicata si riferisce al reddito della persona che sottoscrive l’apposita dichiarazione e sommato a quello del proprio coniuge o altro soggetto convivente;
  • coloro che dimostrino che il Canone sia stato già pagato dall’altro coniuge;
    proprietario di immobile che ha destinato quest’ultimo a locazione, limitando l’uso del televisore esclusivamente agli inquilini, anche nel caso in cui l’utenza dell’energia elettrica sia rimasta a lui intestata;
  • proprietario di immobile privo di televisore;
  • proprietario di seconda casa, il quale sarà tenuto a versare la somma del Canone Rai solo per l’abitazione definita come principale e destinata a residenza del nucleo familiare.

Come richiedere l’esenzione?

Per ottenere l’esenzione basterà presentare, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, indirizzata all’Agenzia delle Entrate, direzione provinciale di Torino (sede che si occupa nello specifico della tassa e dei relativi versamenti), una chiara e precisa dichiarazione che attesti quanto detto in precedenza.

È necessario uno specifico modulo? Per richiedere l’esenzione dal pagamento del Canone Rai 2016 sarà necessario compilare uno specifico modulo, che è possibile consultare e scaricare dal sito dell’Agenzia delle entrate.

Inoltre, sarà possibile consegnare il suddetto modulo direttamente all’Ufficio delle Entrate più vicino alla propria residenza.

Canone Rai 2016: rate, scadenze, sanzioni e modulo per rimborso

Modulo per la richiesta di rimborso del canone Rai pagato <<< scarica gratis

La nuova normativa, riguardante il pagamento del Canone Rai 2016, prevede un pagamento in 10 rate da 10 euro l’una, ma non per questo primo anno.

Infatti, per il 2016 il primo addebito avverrà nel mese di luglio con rata pari a 70 euro (saranno calcolati i mesi da gennaio a luglio) e una successiva rata da 30 euro.

Il sistema di rateizzazione calcolato in 10 rate sarà reso effettivo a partire da gennaio 2017. Uno slittamento voluto, al fine di dare all’Agenzia delle Entrate il tempo necessario per attuare un efficiente sistema e specifiche modalità, idonee ad una precisa riscossione della tassa.

Scadenze e sanzioni Rai

Scadenze e sanzioni Rai

La nuova Legge di Stabilità 2016 del governo Renzi ha previsto delle specifiche sanzioni amministrative per coloro i quali, titolari dell’utenza dell’energia elettrica, decideranno di non pagare la parte del Canone Rai 2016, utilizzando un apposito bollettino in bianco per la sola parte della luce: le multe oscillano tra i 200 euro ed i 600 euro.

Inoltre, tutti i soggetti che porranno in essere delle dichiarazioni mendaci, circa i requisiti e le condizioni per ottenere l’esenzione del Canone Rai in bolletta Enel, saranno perseguibili penalmente (violazione della legge 445 del 2000 sull’autocertificazione).


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy