• Google+
  • Commenta
27 luglio 2010

Guido Fabiani commenta la riforma Gelmini.


La riforma coglie sicuramente alcuni punti essenziali:sistema dei concorsi,valutazone e merito.
Il rettore di Roma tre,Guido Fabiani,riconosce questi punti di forza della riforma.” Sono tutti problemi”-afferma-“che abbiamo il dovere di affrontare insieme alle parti sociali e alle parti politiche.Su questo siamo disposti ad un confronto serio e approfondito come quello previsto dal disegno di legge.”

Il rettore sottolinea pero’ il fatto che si affronta questa riforma in una condizione di non serenità degli atenei perchè questi ultimi si trovano in condizioni drammaiche dal punto di vista dei finanziamenti.

Egli, giustamente, sostiene che guardare al futuro con un presente su cui si è in affanno,non è la condizione piu’ serena e che servirebbero garanzie sull’esistenza anche di un progetto pluriennale di investimento nell’università.

A suo parere è questo il punto fondamentale.Su questa base poi si puo’ discutere di tutto. Ad esempio egli è daccordo sia sulla diminuzione del numero di membri sia del consiglio accademico sia di quello di amministrazione. Ha solo qualche perplessità nella presenza di esterni nel consiglio di amministrazione perchè vi intravede un rischio di invadenza politica.Dice che sarebbe auspicabile avere la certezza sulla neutralità e competenze delle persone che entrano nel consiglio di amministrazione.

Altra questione importante è quella dell’accesso per i concorsi alle università. A tal proposito,lui crede che l’introduzione della tenure track (che consente alle università, accanto ad altre modalità di reclutamento, di assumere ricercatori a tempo determinato per due triennii, per poi promuoverli ad associati se conseguono l´abilitazione entro il secondo triennio) sarebbe positiva perchè consentirebbe ai nuovi di accedere attraverso un percorso di ricerca ben monitorato che porta,superate una serie di prove di merito,alla posizione di associato.

Il discorso della valutazione degli studenti,inoltre,merita attenzione. Deve riguardare in particolare l’attività dei docenti,le condizioni di accoglienza degli atenei. Le performance degli atenei devon esser valutate sulla base di indicatori attendibili e condivisibili,noti in anticipo e c’è bisogno a monte di un’agenzia di valutazione di carattere neutrale.Non puo’ esser costituita questa da persone che fanno parte integrante,che operano negli atenei del sistema universitario nazionale.

A proposito del taglio di fondi a Roma tre e del suo ammontare,Fabiani afferma che già con la finanziaria dello scorso anno c’è stato e del valore di 4 milioni di euro. Prevede che se con la finanziaria di questo anno non si troveranno correzioni, l’ammontare raggiungerà gli 8 milioni.

La riforma Gelmini prevede anche uno stop ai rettori a vita,un mandato di sei anni oppure due mandati in otto anni. Il rettore,nonostante sia in carica da oltre 10 anni,se vi fosse un sistema di governance ben organizzato,lo accetterebbe,ovviamente sapendolo in anticipo.

Infine,sul fatto che il movimento dell’onda manifesta contro la riforma Gelmini , egli pensa che è da comprendere lo stato di disagio drammatico degli studenti italiani.

Certamente -come ritiene anche il rettore-gli studenti dovrebbero svolgere un’azione critica verso il disegno di legge,anche forte,ma con un atteggiamento di confronto e non distruttivo. Questo perchè la riforma dell’università è in un certo senso necessaria e lo è nell’interesse stesso dei giovani.

Roberta Nardi

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy