• Google+
  • Commenta
5 ottobre 2010

Innovation Lab 2010

Due facoltà, ingegneria ed economia, e due competenze unite in un unico progetto. E’ cosi’ che nasce all’università di Roma Tre Innovation lab 2010, un ciclo di seminari incentrati sul tema innovazione e nuove imprese.

Carlo Alberto Pratesi , docente di economia a Roma tre, spiega che tale progetto può consentire agli studenti di economia e di giurisprudenza di lavorare insieme su un progetto di innovazione.

Le buone idee-afferma-nascono sempre da un contenuto tecnologico ma anche dalla capacità di interpretare il mercato,l’innovazione e i servizi.Egli è convinto percio’ che si potranno avere riposte interessanti mettendo insieme economisti ed ingegneri“.

La prima lezione ha visto come ospiti il prof Alberto Sangiovanni Vincentelli che ha illustrato i fattori che entrano in gioco nel determinare il successo di un’idea innovativa all’interno di un’azienda.

Secondo il docente, ci sono tanti fattori collaterali che servono per avere successo: il timing, cioè l’introdurre queste idee al momento giusto, il rendere l’idea il piu’ difendibile possibile in modo che nessuno possa copiarla facilmente e la fattibilità dell’idea in modo economico, cercando di ottenere un ritorno sugli investimenti (che devono essere fatti per portare l’idea sul mercato).

Una giornata che ha messo in evidenza le competenze nell’ambito dell’imprenditoria votata all’innovazione, in cui svolgono un ruolo cruciale l’università e la ricerca. Queste ultime, infatti, contano moltissimo nei settori ad alta tecnologia dove solo tramite la ricerca si puo’ inventare qualcosa di nuovo.

I seminari di innovation lab hanno l’obiettivo di fornire agli studenti gli strumenti per sviluppare le proprie idee innovative, dalla fase creativa, alla stesura del business plan fino al lancio sul mercato. Si tratta di un percorso che porterà alla realizzazione di progetti imprenditoriali che saranno valutati da esperti del settore.

I progetti a cui lavoreranno gli studenti verranno presentati il 22 aprile in un convegno che si terrà presso la facoltà di economia sull’innovazione.
Tra gli ospiti ci saranno molti investitori che guarderanno e valuteranno i progetti e il miglior progetto vincerà una borsa di studio presso la Silicon Valley quest’estate.

Il concorso sarà un banco di prova per verificare se le università italiane sono in grado di formare esperti capaci di cambiare l’economia italiana. Infatti l’economia italiana è carente dal punto di vista dell’innovazione.

Prima di tutto per le dimensioni del mercato che è piuttosto piccolo, poi per gli investimenti in ricerca e sviluppo da parte delle grandi imprese.
Altra cosa è la mancanza dell’ecosistema economico: c’è una grossa predominanza di imprese medio-piccole e poche industrie grandi.

Collaborare per innovare è dunque l’idea vincente alla base del primo Innovation Lab 2010, un progetto dell’Università Roma Tre, curato da Carlo Alberto Pratesi e Paolo Merialdo, docenti di Economia e di Ingegneria, con il contributo di Augusto Coppola e di molte aziende partner.

Roberta Nardi

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy