• Google+
  • Commenta
11 dicembre 2010

Da edifici abbandonati alla città dei giovani fatta dai giovani

Nuovi progetti arrivano dagli studenti della facoltà di Ingegneria dell’Università di Catania, una nuova iniziativa che permetterebbe di trasformare edifici degradati in comunità giovanili.

La palestra dell’ex convento delle Verginelle di via Teatro Greco potrebbe, ad esempio, potrebbe diventare un centro di enogastronomia, con tanto di “wine bar” e ristorante, dove svolgere anche corsi di degustazione vini e di cucina. L’ex mercato di via Santa Maria della Catena una comunità giovanile ‘non politicizzata’ con laboratori e gallerie d’arte e spazi espositivi. Questi sono solo due dei 24 progetti realizzati dai centoventi studenti del corso di ‘Architettura e composizione architettonica 3’ (cdl Ingegneria Edile Architettura), progetto realizzato con il prof. Riccardo Dell’Osso.

Gli studenti, seguiti dagli architetto Stefania Marletta e Venera Ardita e dalle tutor Emanuela Forzese ed Elisa Longhitano, hanno individuato 22 “edifici-risorsa” a Catania, sia nel centro storico che nella periferia della città, e altri 2 nella parte antica di Paternò da riqualificare, attraverso una serie di progetti per insediarvi eventuali comunità giovanili. Le altre proposte di trasformazione riguardano anche l’edificio di piazza Santo Spirito, il villino Rametta a Catania, l’ex Mattatoio di via Domenico Tempio, gli ex cinema Concordia e Midulla nel cuore di San Cristoforo, casa Castagnola e villa Fazio a Librino, villa Gentile Cusa a Cibali, il parco Gioeni.

Le sperimentazioni progettuali, tutte rigorosamente “a misura di giovani”, sono state presentate nel nuovo edificio della Didattica della facoltà di Ingegneria, nell’ambito di una mostra “Luoghi e forme per l’aggregazione giovanile”.

All’inaugurazione sono intervenuti Andrea Fantoma, capo del Dipartimento ministeriale della Gioventù, che ha patrocinato l’iniziativa, il preside della facoltà Luigi Fortuna, il direttore del dipartimento di Architettura ed urbanistica dell’Ateneo, Paolo La Greca, il presidente del corso di laurea in Ingegneria edile, Angelo Salemi, e l’assessore all’urbanistica del Comune di Paternò, Daniele Venora.

L’esercitazione svolta dagli studenti del corso si inserisce in un progetto di ricerca dal titolo “Comunità giovanili come occasione di rigenerazione urbana. Luoghi e forme per l’aggregazione giovanile nel paesaggio contemporaneo”, condotto dall’architetto Marletta del Laboratorio per il paesaggio urbano e la mobilità del Dau, con il patrocinio del Ministero per la Gioventù.

L’Architetto Marletta, spiega : «Gli obiettivi di questo lavoro sono principalmente due favorire e incrementare la cultura giovanile creando spazi di aggregazione autogestiti e innescare un meccanismo virtuoso che, attraverso il recupero dei beni inutilizzati, possa portare a un miglioramento della qualità urbana, e quindi a realizzare sviluppo sociale. Catania e Paternò sono città pilota per questo tipo di progetti, ma siamo convinti che questo modello sia esportabile su scala nazionale, sempre tenendo conto della specificità di ogni singola città.
Presto sulla base dei risultati raggiunti da questa esercitazione, prepareremo un dossier da consegnare agli enti locali, nel quale indicheremo delle linee guida per aiutare gli organi di governo ad individuare gli edifici-risorsa e i relativi criteri di intervento».

La mostra è stata realizzata con l’aiuto dell’ingegnere Nunzio Felici, della dott.ssa Margherita Oliva, dell’assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Catania dell’architetto Antonio Iannizzotto e dei geometri Giuseppe Catalano, Salvatore Distefano e Giovanni Palermo della direzione comunale Patrimonio.

Serena Valeriani

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy