• Google+
  • Commenta
20 Dicembre 2010

Corso di perfezionamento in diritto ambientale all’Unipmn

Bando Europeo da 5 milioni di euro
Corso di perfezionamento in diritto ambientale

Corso di perfezionamento in diritto ambientale

Vincere l’iscrizione gratuita al Corso di Perfezionamento in Diritto Ambientale: è ciò cui avrà diritto l’autore del miglior saggio su “Il caso rifiuti in Campania: cause, ostacoli, possibili soluzioni”, scritto e inviato entro il 14 gennaio esclusivamente via mail.

All’iscrizione gratuita, che sarà riconosciuta dopo il raggiungimento del numero minimo di iscritti e che farà risparmiare al vincitore i duemila Euro necessari per la partecipazione al Corso, possono concorrere le persone laureate. Il saggio non dovrà superare le tre cartelle e sarà giudicato da una commissione presieduta dal professor Eugenio Bruti Liberati, responsabile del Corso e docente di Diritto amministrativo presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche ed Economiche di Alessandria.

L’emergenza rifiuti impone considerazioni generali sulla reale funzionalità del sistema normativo e organizzativo che sta alla base della gestione e dello smaltimento dell’immondizia. Alla luce dei problemi operativi rilevati, verrà considerata la capacità degli autori di analizzare le possibili soluzioni in un’ottica giuridica, o amministrativa o tecnica oppure seguendo un approccio integrato in grado di compenetrare i tre profili (giuridico, tecnico e amministrativo).

«I rifiuti – commenta il professor Bruti Liberati – sono da anni al centro di tematiche politico-ambientali a livello internazionale ed europeo. Non a caso i diversi programmi europei d’azione per l’ambiente hanno posto al centro dell’attenzione proprio il tema rifiuti e l’Europa ha promosso e integrato una serie di normative di settore allo scopo di raggiungere una maggiore tutela dell’ambiente e della salute umana. In alcuni contesti, tuttavia, a causa di una commistione di errori tecnico-amministrativi e di interessi politici e imprenditoriali, il problema della gestione viene affrontato con un approccio a valle, ossia spostando l’attenzione dalle azioni di prevenzione, alla forme di smaltimento.»

Organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza in collaborazione con la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e con l’Associazione Ambiente Territorio e Formazione, il corso avrà inizio nel mese di febbraio (scadenza iscrizioni il 31 gennaio 2011) e durerà sino a dicembre 2011. Il corso è rivolto a funzionari e addetti dell’ufficio ambiente delle Pubbliche Amministrazioni e delle società di consulenza ambientale, ai tecnici ambientali, a legali di aziende private, a imprenditori del settore ambientale e a neolaureati. Inoltre l’iscrizione ai singoli moduli è aperta anche ai diplomati.

Google+
© Riproduzione Riservata