• Google+
  • Commenta
3 dicembre 2010

Università di Copenaghen: stanziati nuovi fondi per la ricerca sulle cellule staminali.

La ricerca sulle cellule staminali è fondamentale per conoscere da cosa dipendono malattie come il diabete ed il cancro, e l’Università Danese riceve un’ulteriore impulso con un finanziamento di 415 milioni di Corone. Il prof. Henrik Semb, luminare riconosciuto a livello internazionale sullo studio delle cellule staminali diventerà direttore del centro, che aprirà nel 2011. In tutto il mondo grandi investimenti vengono dedicati alla ricerca, e l’Università di Copenaghen che comunque in questi anni è riuscita a

ritagliarsi una fetta importante in questo campo, rafforzerà sicuramente la sua
posizione a livello internazionale. Il nuovo centro “Dan Stem” conterà 100 ricercatori, che approfondiranno ulteriormente la ricerca svelando anche i meccanismi molecolari più elementari, sino ad arrivare a quelli “essenziali”, questo grazie anche alle collaborazioni con gli ospedali che permettono agli studiosi di “collaudare” i risultati ottenuti in “esperimenti clinici”. Ovviamente l’Università collabora anche con ricercatori stranieri,

proprio per rafforzare il suo entourage con nuova linfa, e produrre ulteriore conoscenza della società intorno ad una forte ricerca di base.
Il Rettore Ralf Hemmingsen entusiasta per l’opportunità dice:<< La ricerca sulle cellule staminali è un settore con grandi possibilità, e questo grazie anche agli investimenti pubblici, nuove scoperte possono portare la Danimarca a grandi risultati in questo campo, questo finanziamento rappresenta anche un significativo rafforzamento ai settori della ricerca, a vantaggio delle aziende sia pubbliche che private >>. Entusiasta anche il ministro di “Scienza, Tecnologia e innovazione Danese Charlotte Sahl – Madsen che in un comunicato stampa dice: << Il direttore del nuovo Centro Henrik Semb che è attualmente responsabile dello “Stem Cell Center” di Lund presso l’università di Lund in Svezia vede un grande potenziale nella combinazione di ricerche di cancro e diabete!! >>. Il prof. Semb insieme agli altri ricercatori avranno

un’opportunità unica per unire la ricerca sulle cellule staminali all’interno delle due aree, studieranno i meccanismi di base delle cellule, per cercare di sviluppare altre cellule che producano insulina, le cosiddette “beta cellule”. Cercheranno inoltre di identificare e classificare le cellule che provocano il cancro al seno. Il Dan
Stem sarà situato all’interno dell’ Università di Copenaghen, e si avvarrà dell’aiuto

del “Copenaghen University Hospital”, e un certo numero di Università e società internazionali. Il centro è diviso in due sezioni, uno per la ricerca di base, che ha ricevuto una donazione di 350 milioni di corone da una società farmaceutica (la Novo Nordisk), e una sezione per la ricerca strategica, che ha ricevuto fondi per 65 milioni dalla “Strategic Research Council”. La sovvenzione di quest’ultima è il risultato di un’enorme sforzo nella ricerca sulle cellule staminali che un’ampia maggioranza del

Parlamento Danese sostiene, il consiglio ha chiesto che i ricevitori delle sovvenzioni formino un complesso che riunisca competenze di ricerca internazionali, sia da parte di istituzioni pubblice che private. Questo è un grande passo non solo per la Danimarca, ma per tutt’ Europa che sempre di più riserva fondi per la ricerca, solo così a mio parere potremo migliorare il nostro futuro e quello delle generazioni a venire.

Pierluigi Gabriele

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy