• Google+
  • Commenta
25 marzo 2011

Cosa pensano davvero le donne?

Denny Mendez nei panni di “Linda”, torna in scena con una commedia che svela i segreti delle donne, scritta e diretta da Francesco Apolloni.

Con lei in scena Michela AndreozziVanessa”, voce di radio2 e in TV con Commissario Manara2 Rai1 e al cinema con il film di Massimiliano Bruno “Nessuno mi può giudicare” .

Emy BergamoEleonora”, cantante e attrice protagonista dell’ultimo Rugantino con Enrico Brignano.

Brenda LodigianiCristiana”, giovane comica resa celebre per le sue performance a “Quelli che il calcio”.

Elena ArvigoCarla” , sofisticata attrice teatrale e cinematografica e molto amica di Giulia Roberts con la quale ha recitato in “Mangia, prega, ama”.

Cinque amiche, età media circa 35 anni, si ritrovano in una suite di un albergo di lusso (dove vive una delle ragazze)in occasione di un addio al nubilato. La festeggiata ritarda… nel frattempo le amiche parlano di uomini, delle loro frustrazioni, delle loro ambizioni, di sesso e… di amore. Una commedia ricca di risvolti comici e colpi di scena dove la donna contemporanea è finalmente la vera protagonista.

Le protagoniste in una battuta:

“Gli uomini a 35 anni sono come le cabine telefoniche. O so’ rotte o so’ occupate!”.
Linda pittrice, sportiva, molto carina. Vive nella suite di un albergo molto esclusivo.

“Perché faccio l’amore, sempre con gli stessi uomini?! Sono un’ecologista… riciclo!”.
Vanessa, attrice disoccupata. È separata da suo marito e ha un figlio.

“Mi è capitato uno che si eccitava per il colore delle mie gengive. Mi diceva sempre:’ Me le fai vedere…me le fai vedere?!’. Ho pensato cazzo, questo non sta bene. Nooo?!”. Eleonora, life coach, organizza corsi di formazione per manager. Ossessionata dal sesso.

“L’uomo ideale?! L’uomo-pinguino! In natura è il pinguino che cova l’uovo! La femmina così… può andare a fare shopping e dall’estetista… Inoltre il pinguino è un animale eclettico, perché sa nuotare, volare e sciare.” Carla, laureata in psicologa. Esperta in numerologia e yoga. Da quando ha trovato il suo vero nome “mantrico” è come se fosse tornata vergine.

“Mia madre quando ha visto che a sei anni giocavo con Barbie ma mi travestivo da Ken… mi ha iscritto al conservatorio e a danza! Penso che fosse conscia della mia potenzialità di lesbica…”.
Cristiana, una studentessa molto brillante di diciotto anni. Ha la passione della musica e del canto.

Francesco Apolloni, racconta:

“Questa commedia forse non sarebbe mai nata se due attrici “in cerca d’autore”, Maddalena e Veronika, qualche anno fa, non fossero venute da me a chiedermi se avevo qualcosa nel cassetto. Tirai fuori un soggettino scritto qualche anno prima, che raccontava la storia di cinque amiche che si riunivano per un “ Addio al nubilato”.

La commedia fu rappresentata a teatro come “esperimento” a fine stagione per un periodo brevissimo, la regia affidata a un bravo regista di nome Enrico. Purtroppo questa messa in scena non ebbe mai un seguito. Così passati alcuni anni, in una di quelle classi di acting, che frequento tra Roma e LA per cercare di essere un migliore autore, attore e regista, mi sono di nuovo imbattuto in altre attrici “in cerca d’autore”, sull’onda dell’entusiasmo, abbiamo deciso di rappresentare di nuovo “Addio…”.

Ho riscritto la commedia attualizzandola e ispirandomi a queste nuove magnifiche attrici, considerando anche l’età delle nuove protagoniste (non più 35 / 40 come nella prima versione, ma giovani donne intorno ai 30).

Ripensandoci, molte delle mie commedie, e anche i miei due film sono stati scritti perché ispirati a delle figure femminili.
Angelo e Beatrice” (storia d’amore fra due terroristi) la scrissi per la Monica più famosa di Italia, ma sul palco esordì un’altra straordinaria attrice Claudia (Gerini), e in un’altra edizione Stefania (Rocca);

anche “Risiko” (storia di un gruppo di politici rampanti) e “La verità, vi prego, sull’amore” le scrissi dopo due delusioni di amore… per non parlare di un film che feci “Fate come noi” dove le protagoniste erano una bambina, una vecchietta (Pupella Maggio) e una giovane donna (Agnese Nano).

Più ci rifletto e più capisco che tutto quello che ho scritto l’ho fatto perché ispirato nel bene o nel male (più nel bene!) a una donna, un’attrice, un amore!

Sarà perché considero le donne migliori di noi ometti, sarà perché sono cresciuto con tutte donne, sarà perché: “Sono figlio di una ragazza madre, comunista, femminista, sindacalista! E se avete qualche lista… lei ce l’ha!”… Sarà per tutto questo, che alla fine la mia drammaturgia è profondamente influenzata dal sesso debole! Che ovviamente io non considero per nulla debole!

In questa commedia, ricca di risvolti comici, la donna contemporanea è la vera protagonista, con le sue ossessioni, paure, desideri, passioni e amori, e la figura dell’uomo ne esce, in qualche modo, sconfitta. “

Viola produzioni presenta dal 29 marzo al 17 aprile 2011 al Teatro De’ Servi, Roma
Addio al nubilato”, La commedia che mette a nudo i pensieri delle donne.

Teatro de’ Servi
Via del Mortaro, 22 (Via del Tritone) – Info: 06.6795130 www.teatroservi.it
Prezzi dei biglietti: Platea Intero € 20 – Ridotto € 16 / Galleria Intero €17 – Ridotto € 14
Spettacoli dal martedì al venerdì ore 21 – Sabato ore 17.30 – 21.00 – Domenica 17.30 – Lunedì riposo
info@fabighinfanti.it

Maria Teresa Violi

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy