• Google+
  • Commenta
21 aprile 2011

L’AICS per il recupero e la riabilitazione dei detenuti

Oltre l’Istituzione totale. Teatro e integrazione nella Casa di Reclusione di Rebibbia“, questo il titolo del libro che recentemente è stato presentato nell’Aula Magna Mazzini del polo universitario di Forlì. Il testo, edito da Franco Angeli, è stato tratto dal Progetto Prometeo, un’importante iniziativa di teatroterapia sviluppatasi nel carcere di Rebibbia a Roma, finanziata dalla Regione Lazio e promossa dall’Associazione Italiana Cultura Sport (AICS) con la collaborazione dell’Università di Cassino.

Dal 2009 il progetto ha portato avanti un’azione di tipo psicologico affiancando alla teatroterapia un percorso di ricerca sociale e mediazione culturale che ha permesso ai detenuti di raggiungere quella crescita personale che altrimenti sarebbe stata loro preclusa e sicuramente più difficilmente realizzabile.

I risultati significativi di questa iniziativa sono stati presentati da Bruno Molea, Presidente Nazionale AICS, e da Antonio Turco, responsabile nazionale AICS del settore Politiche Sociali, davanti a molti studenti che hanno riempito la sala e a cui sono stati illustrati i vari punti componenti del progetto.

L’Università di Bologna ha riconosciuto nell’iniziativa un chiaro esempio di come il teatro e la cultura tutta abbiano una grande capacità aggregativa, e il volume, testimonianza dell’efficacia dei metodi AICS nel lavoro di recupero e riabilitazione dei detenuti, è entrato a far parte dei testi adottati nelle Facoltà di Scienze Politiche di Forlì e di Giurisprudenza dell’Università di Bologna per gli anni accademici a venire.

L’AICS dimostra da tempo che una nuova vita per i detenuti è possibile, che le sbarre delle prigioni possono essere mere barriere mentali da cui è possibile evadere grazie all’azione salvifica della cultura, e che in questa va ritrovata la forza di continuare a vivere la propria esistenza intraprendendo un cammino di comunione con gli altri e di rispetto reciproco.

Gabriele di Grazia

Google+
© Riproduzione Riservata