• Google+
  • Commenta
7 Maggio 2011

Concorso nazionale del podcast didattico nella scuola

La facoltà di Scienze della formazione dell’università di Udine ha organizzato il primo “Concorso nazionale del podcast didattico nella scuola”. L’obiettivo è di promuovere, tra insegnanti e studenti delle scuole primarie e secondarie, l’uso creativo ed intelligente delle tecnologie educative multimediali.

Sono 32 le scuole italiane a partecipare al concorso, di cui ben 13 del Friuli Venezia Giulia.

Il concorso è finalizzato ad analizzare la valenza didattica, la diffusione e le aeree di impiego del podocast e, più in generale, delle applicazioni multimediali nella scuola.

In gara ci sono 61 podcast, quelli delle scuole regionali sono 12.

I podcast sono file audio-video utilizzati per diffondere via web contenuti multimediali. Si scaricano automaticamente e possono essere ascoltati o visti su computer, Ipod, cellulare o lettori di file mp3 e mp4.
Grazie ai podocast è possibile documentare, comunicare, sperimentare nuovi modi di fare didattica e collaborare senza il bisogno di essere degli esperti di linguaggi di programmazione.

Le tre categorie previste sono: podcast delle scuole primarie, delle secondarie di primo grado e delle secondarie di secondo grado.

I vincitori sono stati premiati sabato 7 maggio, alle 10.30, nella sala Gusmani di palazzo Antonini a Udine. Inoltre sono stati assegnati un premio speciale “della giuria” e una menzione al merito.

Il patrocinio dell’iniziativa appartiene all’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia, all’Educandato statale “Collegio Uccellis” di Udine e al partner tecnologico “Hello Méla-Solution expert education.

Il presidente della giuria, Roberto Albarea ha spiegato che Il concorso è l’inizio di un percorso che intende favorire una sintesi creativa tra linguaggi disciplinari della tradizione, intelligenza progettante e linguaggi dei nuovi media. Lo scopo è infatti quello di promuovere un approccio attivo e critico all’uso delle tecnologie multimediali, orientare e guidare pedagogicamente alla circolarità dei linguaggi espressivi e alla trasversalità disciplinare, affinare la sensibilità estetica nel lavorare sui messaggi della comunicazione.

Per maggiori informazioni: www.uniud.it

Pietro Marzocca

Google+
© Riproduzione Riservata