• Google+
  • Commenta
31 Maggio 2011

Da Ancona all’Isola di Gallinara gli studenti/sub di Univpm. Per imparare il mare

Da Ancona all’Isola di Gallinara gli studenti/sub di Univpm. Per imparare il mare Dal 5 al 10 giugno, grazie a una convenzione con il Comune di Albenga.

Per mare e sotto il mare: per conoscerlo. Nei prossimi giorni partono da Ancona alla volta della Liguria gli allievi del corso di “Metodologie Scientifiche Subacquee”, tenuto dal professor Carlo Cerrano nell’ambito della Laurea Specialistica in Biologia Marina dell’Università Politecnica delle Marche. Dal 5 al 10 giugno si svolgeranno presso l’Isola Gallinara, proprio davanti alla foce del Centa e ad Albenga (Savona), le esercitazioni pratiche del corso. Il Comune di Albenga e l’Università Politecnica delle Marche da diversi anni collaborano affinché i futuri biologi marini possano acquisire le competenze di base necessarie allo svolgimento di monitoraggi ben focalizzati, applicando in immersione le migliori tecniche di rilievo, misura e campionamento, in condizioni di massima sicurezza.

L’unicità e la ricchezza dei fondali dell’isola rende il sito particolarmente interessante per i futuri biologi marchigiani, che potranno apprezzare numerose emergenze naturalistiche. Albenga non custodisce solo un tesoro naturalistico come l’Isola Gallinara ma numerosi reperti storici risalenti al periodo romano, documentati non solo dall’importante centro storico ma anche dai relitti sommersi, il cui studio ha portato alla nascita dell’archeologia subacquea in Italia negli anni ’50.

Il corso fornirà una solida preparazione non solo teorica ma anche pratica delle attività che i futuri biologi potrebbero dover svolgere durante le immersioni scientifiche. Gli studenti impareranno ad applicare direttamente in immersione diverse metodologie di studio delle comunità sommerse. Lo scopo non sarà solo quello di apprendere le tecniche ma anche quello di comprenderne la validità, le possibilità e i limiti d’impiego nell’ambito di un corretto approccio scientifico. Per ora in Italia non esistono altri corsi che forniscano questo tipo di opportunità agli studenti, e il contesto ambientale in cui si svolgono le esercitazioni rende l’esperienza particolarmente stimolante e suggestiva.

Google+
© Riproduzione Riservata