• Google+
  • Commenta
20 Maggio 2011

Oasi Felice

Oasi Felice UNIBOOasi Felice UNIBO

Presidente: non definito

Email di riferimento: emanuele.luciani3@studio.unibo.it

Sito web associazione: http://www2.fci.unibo.it/oasi/

Girando per i corridoi si può sentir dire che l’Oasi Felice è stata
fondata da un qualsiasi bamba negli anni ’50 o ’60 o giù di lì e che è l’associazione più vecchia dell’ateneo di Bologna.

Come vedete, miei cari lettori, c’è grossa confusione sulle date, e la cosa puzza…

In realtà l’OF è l’associazione più ANTICA dell’ateneo e la sua fondazione si perde nelle tenebre dell’antichità.

Risultati e discussione:

Da un antico reperto custodito gelosamente è stato appurato, con un buon margine di certezza, che l’OF è stata fondata da uno zio di Lucy (l’ominide scoperto in Africa, ndr) anche se all’epoca si chiamava “le vette del Rift”.
Per lunghi secoli non si hanno più avute notizie dell’OF e dobbiamo arrivare alla civiltà Villanoviana (IX sec. a.C.) per avere nuove testimonianza: nell’insediamento bolognese (Villanova di Castenaso) è stata infatti trovata una tavoletta con l’antico statuto di OF, sorprendentemente simile a quello attuale.
Anche il prof. E. Todesco conferma questa versione dei fatti: “Sì, mi sembra che già allora si parlasse di OF, ma non ricordo bene, ero molto piccolo allora… ma ho un ricordo, seppur un po’ annebbiato, di grandi cose!”.

Purtroppo le nebbie del tempo tornano ad oscurare la storia dell’OF, e nemmeno i ricordi dell’ormai adolescente Todesco ci possono aiutare, dato che per vari motivi si assentò per circa un migliaio d’anni dall’Emilia.

Le ulteriori tracce dell’OF le troviamo in epoca romana: in questo periodo al presidente dell’OF veniva affidata una legione. Sembra anche che in questo periodo sia stato fatto lo schizzo della fonte del sapere. Per la realizzazione dell’opera dobbiamo aspettare ancora 1500 anni.

L’OF scompare dalla scena mondiale per cinque di secoli per tornare con rinnovato vigore in difesa dell’Italia dalle invasioni barbariche.

Google+
© Riproduzione Riservata