• Google+
  • Commenta
19 luglio 2011

LUM – Libera Università del Mediterraneo

Le luci di quella parte del quadrilatero murattiano dove si congiungono Corso Cavour e Corso Vittorio Emanuele si spengono all’improvviso. La cupola del Teatro Margherita, ideale vertice di questo triangolo, prende fuoco in piena notte. Non si tratta di un cattivo presagio, ma della performance di Giorgio Andreotta Calò, vincitore della prima edizione del Premio Lum per l’Arte Contemporanea.

La notte del 22 luglio alle ore 2.30, a cento anni di distanza dall’incendio del 1911, il Teatro sarà oggetto di un intervento che prevede la simulazione di un incendio, per riportare alla memoria un fatto che ha lasciato una ferita aperta in tutti i cittadini.

L’artista, già presente all’ultima biennale di Venezia, presenterà il suo progetto performativo in una conferenza stampa domani, 20 luglio 2011, alle 11.00 nella Sala Giunte del Comune di Bari.

Il Teatro Margherita, per la sua caratteristica unica di sorgere sull’acqua, offre la possibilità di definire e connotare uno spazio fluttuante e vacante che si trova in uno stato di transizione tra una precedente destinazione d’uso e un suo attuale e prossimo riutilizzo.

La luce dei fuochi riflessa sulle acque del mare della costa, avvolgerà l’edificio in un abbraccio caldo e luminoso, suggerendo una visione forse già presente nell’immaginario collettivo di coloro che si troveranno quella notte a passare di lì per caso o a sostare sul molo, lungo la strada, sui balconi delle case circostanti o ancora in lontananza in mezzo al mare. Il Teatro immerso nel buio e ancora addormentato, comincerà a risvegliarsi qualche ora dopo la mezzanotte, come un cuore pulsante prenderà vita sotto un manto di luce rossa.

L’artista Giorgio Andreotta Calò da molto tempo concentra la sua ricerca nello sviluppo di un’indagine legata alla trasfigurazione dello spazio urbano, alla scoperta della memoria e dei simboli che caratterizzano il paesaggio e i suoi elementi. Questo lavoro, 22 luglio 1911/22 luglio 2011, nasce in concomitanza con un viaggio che l’artista ha appena terminato, in occasione della Biennale di Venezia cui è stato invitato a partecipare. Il viaggio compiuto a piedi da Amsterdam a Venezia è un’esperienza fortemente legata alla scoperta fisica e sensoriale della realtà e di tutti gli strati che la compongono.

L’immagine fotografica dell’azione, sarà donata alla città di Bari come opera finale dell’artista.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy