• Google+
  • Commenta
30 luglio 2011

Varato per la prima volta il Codice Etico all’Università di Pisa

Nuovo Statuto e il primo Codice etico nell’Università di Pisa, che si mette al passo con la riforma Gelmini al pari di Bologna, Firenze e Padova, dopo aver dato spunto al bel paese di come affrontare la riduzione del consumo energetico dei personal computer.

L’Unipi ha varato un codice per la crescita culturale e professionale del personale. In primo piano la formazione degli studenti, dove sono messi in risalto valori e principi come la parità di trattamento, il merito, la rilevanza sociale della ricerca, il libero insegnamento, la libera ricerca.

Lo statuto dichiara i diritti e i doveri morali per tutti coloro che operano, lavorano e insegnano alll’Università di Pisa. Un documento composto da 24 articoli, redatto da otto membri, con la guida del giurista Alessandro Pizzorusso.

Lo Statuto entrerà in vigore agli inizi del 2012. In primavera, dunque, il primo Senato Accademico e successivamente il Consiglio di Amministrazione.
Entro la fine dell’anno, invece, saranno assunti 85 ricercatori, anche se non vi è ancora il bando di assunzione.

Il Rettore Massimo Augello ha così dichiarato :

<< Con lo Statuto abbiamo puntato a recuperare ogni spazio di autonomia concesso dalla legge, salvaguardando l’equilibrio tra gli Organi di Ateneo e garantendo la massima rappresentanza possibile di tutte le sue componenti.

Per dare attuazione alle novità previste – chiosa – ci vorrà tuttavia circa un anno >>

Danilo Ruberto

Google+
© Riproduzione Riservata