• Google+
  • Commenta
18 ottobre 2011

Unical: incontro-seminario con lo scrittore Lino Patruno

Un appuntamento di notevole interesse si svolgerà giorno 21 ottobre alle ore 11:30 presso l’Aula Caldora (la vecchia Aula Magna): incontrerà la popolazione studentesca e non della zona il giornalista Lino Patruno, ex direttore della Gazzetta del Mezzogiorno e scrittore legatissimo alla sua terra d’origine, la Calabria, a cui ha dedicato molti libri, tra cui “Fuoco del Sud”.

All’incontro-seminario, che verrà introdotto dal dott. Giuseppe Spadafora, parteciperanno anche il prof. Marco Rovinello (cattedra di Storia Contemporanea presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Unical), che introdurrà l’incontro, e il prof. Alessandro Mazzitelli (cattedra di Diritto dell’ambiente e del territorio e di Istituzioni di Diritto Pubblico sempre presso la facoltà di Scienze Politiche).

Lino Patruno è un vero e proprio maestro del giornalismo italiano. Direttore della Gazzetta del Mezzogiorno dal 1995 al 2008, ha avuto anche un’esperienza decennale come direttore dell’emittente televisiva Antenna Sud.

Oltre che giornalista, Patruno è anche scrittore. Molto probabilmente gran parte dell’incontro verterà sul suo libro “Fuoco del Sud”, opera ben apprezzata dalla critica e mai così attuale come nell’anno del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Come dice lo stesso autore in un’intervista: “Il Fuoco del Sud è l’indignazione dei meridionali per una unità d’Italia fatta a loro danno: la distruzione della loro identità, della loro terra, della loro economia. Imposta col ferro e col sangue. E fatta passare dalla Storia di Stato come un effetto della loro minorità, una colpa attribuita al Sud e di cui il Sud deve avere in eterno vergogna. Il Fuoco nasce dalla conoscenza della Verità che si diffonde soprattutto grazie all’opera dei Movimenti meridionali. E si alimenta per una presa di coscienza grazie a quella Verità, cui segue l’indignazione per ciò che è avvenuto e per le Bugie che sul Sud hanno raccontato e continuano a raccontare. Si alimenta da sé, quanto più la conoscenza si diffonde.”

Un libro che accoglie una versione non ufficiale della storia d’Italia, un libro che ci parla di un Mezzogiorno sfruttato, bistrattato e dissanguato, 150 anni fa come oggi (infatti Patruno parla anche del federalismo fiscale, “il secondo Risorgimento tradito ai danni del Mezzogiorno”), un libro dal messaggio chiaro; occorre ridare dignità ad una terra travolta da un processo storico che probabilmente non ha mai voluto.

Alberto De Luca

Google+
© Riproduzione Riservata