• Bonetti
  • Alemanno
  • Baietti
  • Buzzatti
  • Grassotti
  • Paleari
  • Carfagna
  • Cocchi
  • Romano
  • Meoli
  • Rossetto
  • Mazzone
  • Cacciatore
  • Andreotti
  • Crepet
  • Valorzi
  • Gelisio
  • Algeri
  • Boschetti
  • Dalia
  • Falco
  • Chelini
  • Gnudi
  • Napolitani
  • De Luca
  • Leone
  • Scorza
  • Tassone
  • Bruzzone
  • De Leo
  • Bonanni
  • Quaglia
  • Barnaba
  • di Geso
  • Santaniello
  • Quarta
  • Miraglia
  • Califano
  • Pasquino
  • Casciello
  • Liguori
  • Romano
  • Coniglio
  • Ward
  • Rinaldi
  • Catizone

Saggi Papiro di Artemidoro a Unito: presentazione

Antonietta Amato 14 Novembre 2011
A. A.
14/06/2021

Domani, martedì 15 novembre 2011 alle 17, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Torino (via Verdi, 8) in occasione della presentazione dei nuovi Saggi Papiro di Artemidoro.

La meravigliosa storia del falso Artemidoro (Sellerio); Fotografia e falsificazione (AIEP); Artemidoro 2006-2011: l’ultima vita, in breve (Dedalo) appuntamento con un dibattito dal titolo: Ultime notizie sul cosiddetto papiro di Artemidoro.

Il Prorettore prof. Sergio Roda porterà il suo saluto. Al via poi gli interventi di Carlo Ossola (Collège de France), Luciano Canfora (Università di Bari), Luciano Bossina (Università di Padova), Federico Condello (Università di Bologna), Silio Bozzi (Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato), Silvia Ronchey (Università di Siena) e di Amedeo A. Raschieri (Università di Torino).

Spiega Luciano Canfora: “Cos’è il cosiddetto “papiro di Artemidoro”? E cosa ha a che fare con l’erudito ottocentesco Costantino Simonidis? Un’indagine appassionante, durata sei anni, ha consentito di connettere in modo ineludibile quel personaggio sfuggente con l’improbabile e sontuoso papiro di origine misteriosa. Alla scoperta ha potentemente contribuito l’indagine condotta
dalla polizia scientifica. Di tutto questo si parlerà a Torino il 15 novembre alle ore 17.00”.

L’ingresso è libero e gratuito e seguirà dibattito

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Antonietta Amato Studentessa alla facoltà di Economia, è entrata nel mondo del giornalismo giovanissima. Ha partecipato in qualità di direttrice ad un progetto che prevedeva la diffusione locale di un giornale prodotto completamente da ragazzi, i cui proventi sono stati devoluti interamente all’Unicef . Animata anche dalla passione per la scrittura, si è diplomata con una buona media al liceo classico, si è iscritta alla facoltà di economia e gestisce un’attività commerciale, ma continua a coltivare il sogno di poter lavorare un giorno in un’azienda che faccia dell’informazione apartitica la sua capacità distintiva. Il suo compito a Controcampus prevede la risoluzione di tutte le questioni relative alla organizzazione amministrativa, gestione utenze presso la testata: sarà ben disponibile a dare ai nostri collaboratori tutte le relative informazioni. Leggi tutto