• Google+
  • Commenta
29 febbraio 2012

In anteprima la televisione del futuro

Sottili come carta da parati e avvolgibili come papiri: così saranno le tv del futuro.

Con l’estinzione del tubo catodico, i conseguenti schermi al plasma e lcd si sono diffusi a macchia d’olio, ma ci vanno già troppo “spessi”: dall’Asia infatti sono in arrivo i televisori più piatti dell’ultrapiatto, gli ultrasottili.

Dal 10 al 13 febbraio, a Las Vegas, si è tenuta la Ces (Consumer electronic show), fiera annuale dell’elettronica di consumo, in occasione della quale vengono esposte le novita tecnologiche presto sul mercato.

Quest’anno, il premio come miglior prodotto in mostra è andato alla LG, col suo televisore ultrapiatto: è la tv più sottile e grande del mondo, ideata per essere attaccata alla parete, come un quadro, spessa solo 4 mm per 55 pollici, e un peso di 7,5 kg.

Il modello, LG 55EM9600, presenta grandi novità anche nella qualità del colore, immettendo l’utilizzo del bianco oltre ai soliti rosso, verde e blu.

Sfrutta la tecnologia Oled (organic light emitting diode), cioè diodo organico ad emissioni di luce: in questo modo i display sono in grado di emettere luce propria ed illuminarsi da sé, contrariamente ai televisori odierni, a cristalli liquidi, illuminati da una fonte esterna, consumano meno elettricità  e spazio, infatti sono pieghevoli e arrotolabili

Lo schermo è posto all’interno di una cornice metallica di 1 mm di spessore, in modo che l’immagine sia visibile fino a ridosso del bordo.

Gli unici svantaggi, per ora insoluti, sembrano essere l’alto costo di produzione e la deperibilità maggiore rispetto ai televisori tradizionali.

Manca poco per iniziare a vedere l’hi-tech televisiva a carta da parati nelle nostre case: il televisore del futuro sarà in vendita già dal terzo trimestre del 2012.

 


Google+
© Riproduzione Riservata