• Google+
  • Commenta
16 febbraio 2012

Unibz: firmato il protocollo d’Intesa per i tirocini

350 ore di tirocinio nel secondo ed altrettante nel terzo anno di studi, accompagnati da assistenti sociali che già lavorano nei servizi e da supervisori appositamente assunti dall’Università: queste le particolarità che rendono il corso di laurea in Servizio sociale della Facoltà di Scienze della Formazione unico nel suo genere. Le novità sono state formalizzate oggi con la firma di un protocollo d’intesa tra Università, Provincia e Ordine degli assistenti sociali.

Il periodo di tirocinio fa parte integrante del piano di studi di Servizio sociale: “La responsabilità degli operatori in questo campo è elevata; per questo non ci accontentiamo di fornire agli studenti competenze solo teorico-scientifiche ma vogliamo che si confrontino al più presto con il lavoro concreto degli assistenti sociali – ha spiegato il prof. Walter Lorenz, rettore e al contempo direttore del corso di laurea in Servizio Sociale. “Con questo documento, che esprime la responsabilità che sentiamo nei confronti della società, diamo anche un valore esplicito alle competenze didattiche dei colleghi che lavorano sul territorio. Siamo felici di essere arrivati ad una così stretta collaborazione”.

La firma di oggi è il risultato di un lavoro di collaborazione cominciato diverso tempo fa. “Riteniamo particolarmente importante che gli studenti abbiano occasione di esperire metodologie e procedure attuate nei servizi”, ha detto la dott. Michela de Santi, presidente dell’Ordine degli assistenti sociali della Regione Trentino Alto Adige.

Il dott. Luca Critelli, direttore della Ripartizione provinciale Famiglia e Politiche sociali ha specificato che “i tirocini si svolgeranno presso le Comunità comprensoriali e presso l’Azienda servizi sociali del Comune di Bolzano. Non vogliamo che si tratti semplicemente di un periodo passato in un ambiente di lavoro: ci interessa che sia un periodo fruttuoso. Il coinvolgimento di tutor e supervisori sarà fondamentale in questo senso”.

 

Google+
© Riproduzione Riservata