• Algeri
  • Chelini
  • Quaglia
  • Tassone
  • Casciello
  • Miraglia
  • Mazzone
  • Rinaldi
  • Gelisio
  • Califano
  • Santaniello
  • Romano
  • Grassotti
  • Buzzatti
  • Barnaba
  • Napolitani
  • Quarta
  • Alemanno
  • Romano
  • Leone
  • Liguori
  • Bonetti
  • Bonanni
  • Bruzzone
  • Boschetti
  • Ward
  • Ferrante
  • Rossetto
  • Andreotti
  • Coniglio
  • Baietti
  • Crepet
  • di Geso
  • Scorza
  • Gnudi
  • Paleari
  • Dalia
  • Falco
  • Valorzi
  • Meoli
  • Cacciatore
  • Carfagna
  • De Luca
  • Catizone
  • Cocchi
  • De Leo
  • Pasquino

Dai neuroni specchio alla simulazione incarnata all’Unict

Antonietta Amato 16 Marzo 2012
A. A.
29/07/2021

Dai neuroni specchio alla simulazione incarnata: incontro pubblico col prof.

Vittorio Gallese, del Dipartimento di Neuroscienze, che si terrà martedì 20 marzo, alle ore 15, presso l’Aula Magna del Palazzo Centrale dell’Ateneo (via Università 12), sul tema “Dai neuroni specchio alla simulazione incarnata: il corpo nell’esperienza estetica”.

L’incontro è organizzato dal Dipartimento dei Beni culturali e dello spettacolo e il Dottorato in Storia dell’arte e dello spettacolo dell’Ateneo.

Vittorio Gallese, oltre a essere uno degli scopritori dei neuroni specchio, è tra i neuroscienziati che a livello internazionale hanno maggiormente contribuito allo scambio di idee tra la cultura scientifica e quella umanistica, avanzando proposte che hanno aggiornato le teorie sull’esperienza estetica, sull’empatia e l’intersoggettività; tra queste quella che lui stesso ha chiamato la “simulazione incarnata”, che sarà appunto al centro del suo intervento.

L’obiettivo principale dell’incontro è quello di approfondire la riflessione sullo straordinario impatto che le neuroscienze cognitive stanno avendo all’interno del dibattito estetico, filosofico e storico-artistico.

All’incontro parteciperanno docenti, dottorandi e studenti di educazione umanistica, che interagiranno con Gallese allo scopo di valutare l’effettiva ricaduta delle teorie embodied e delle proposte delle neuroscienze sulle ricerche degli studiosi di ambiti umanistici, specie quelli storico-artistici e performativi, nonché per testare le possibilità di una comunicazione interdisciplinare inedita, che sembra farsi sempre più urgente.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Antonietta Amato Studentessa alla facoltà di Economia, è entrata nel mondo del giornalismo giovanissima. Ha partecipato in qualità di direttrice ad un progetto che prevedeva la diffusione locale di un giornale prodotto completamente da ragazzi, i cui proventi sono stati devoluti interamente all’Unicef . Animata anche dalla passione per la scrittura, si è diplomata con una buona media al liceo classico, si è iscritta alla facoltà di economia e gestisce un’attività commerciale, ma continua a coltivare il sogno di poter lavorare un giorno in un’azienda che faccia dell’informazione apartitica la sua capacità distintiva. Il suo compito a Controcampus prevede la risoluzione di tutte le questioni relative alla organizzazione amministrativa, gestione utenze presso la testata: sarà ben disponibile a dare ai nostri collaboratori tutte le relative informazioni. Leggi tutto