• Google+
  • Commenta
9 Marzo 2012

Infarto: A rischio mattino e sera

Prevenzione Infarto

Secondo uno studio condotto da alcuni ricercatori americani, le probabilità di morte cardiaca da Infarto sono direttamente proporzionali alle fluttuazioni dei livelli di una proteina: la klf15.

Prevenzione Infarto

Prevenzione Infarto

Si tratta di una scoperta veramente interessante.

Gli scienziati della Case Western Riserve University, sono riusciti a rintracciare l’esistenza di un legame indissolubile tra la klf15 ed alcune fasi della giornata.

Le aritmie cardiache, infatti, tendono ad aumentare la mattina e la sera, quando i valori proteici salgono o diminuiscono troppo e il cuore è soggetto ad uno stress maggiore.

Il funzionamento interno del corpo è sorretto dal ritmo circadiano.

Per Darwin Jeyaraj, ricercatore della Western University, lo studio di questa proteina controllata dal ritmo circadiano, rappresenta la base per la sperimentazione di nuovi e specifici farmaci.

“Abbiamo identificato – spiega Jervaraj – un meccanismo, finora sconosciuto, dell’instabilità elettrica del cuore. Tutto ciò ci rende edotti della variazione notturna e diurna nella predisposizione alle aritmie, rimaste sconosciuta per anni”.

 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy