• Google+
  • Commenta
28 marzo 2012

Nuova scuola in Liguria dopo l’alluvione: aiuti anche dal Trentino

Tutti sappiamo purtroppo quello che a ottobre è avvenuto in Liguria: un’alluvione di portata incredibile ha messo in ginocchio una regione così bella e piena d’iniziativa. Ma piano piano le persone si sono rimboccate le maniche e hanno creato un circolo continuo di aiuti reciproci, nei più vari settori e nelle più varie modalità.

Le altre regioni d’Italia non hanno lasciato la Liguria sola con i suoi problemi. Lo dimostra il fatto che ad esempio il Trentino Alto Adige sta contribuendo alla costruzione di una nuova scuola in Liguria, precisamente a Rocchetta di Vara, uno dei paesi più colpiti dell’alluvione, dove varie scuole sono state danneggiate o addirittura distrutte

Ma chi metterà la prima pietra di questa scuola? Un personaggio autorevole e dotato di una spiccata sensibilità: il nostro caro Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale, infatti, ha ricevuto il primo mattone pochi giorni fa a Vernazza (una delle Cinque Terre più colpite dall’alluvione) dal sindaco di Rocchetta di Vara, Riccardo Barotti. Alla cerimonia era anche presente il presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai.

In che cosa consisterà precisamente l’aiuto della Provincia autonoma nella costruzione di questa scuola? Lorenzo Dellai ha garantito in particolare “la progettazione e circa la metà dei finanziamenti necessari alla costruzione del nuovo edificio, che sarà pronto entro il mese di settembre, per l’inizio del prossimo anno scolastico”. Un contributo quindi reale e di fondamentale importanza, non le solite chiacchiere.

Questa è l’Italia che ci piace, un’Italia solidale, che cammina, che affronta le avversità con spirito di sacrificio e di unità nazionale. Se solo fossimo solidali non solo nelle tragedie, che è già comunque tanto, ma anche nella vita quotidiana di ogni giorno, quanto si starebbe meglio in Italia? Quanto si vivrebbe meglio in Italia? Solidarietà, aiuti reciproci, comprensione, rispetto, giustizia: sono “parole” che tutti dovremmo cominciare a conoscere più a fondo.

Google+
© Riproduzione Riservata