• Google+
  • Commenta
24 aprile 2012

Alenia assemblea: Fornero incontra gli operai

Il ministro Elsa Fornero, dopo le tensioni di questi ultimi giorni, accetta l’invito, o si potrebbe dire la sfida della Fiom ad un confronto sul dibattuto articolo 18 e sulla questione degli esodati ad Alemania.

Il ministro è stato accolto da numerosi lavoratori in assemblea fuori dalla fabbrica: un operaio si presenta col cappio al collo, altri sfileranno con il volto coperto da delle maschere bianche, sono operai, impiegati, tecnici ma anche chi non ha più un occupazione come i lavoratori in esubero di Agile Ex Eutelia, l’azienda che ha licenziato 1200 italiani di cui 300 piemontesi.

La Fornero, dopo qualche fischio e interruzione, ha parlato dell’articolo 18, si è soffermata sulla riforma delle pensioni, a suo parere soluzione estrema in un momento di crisi dove il debito impone di trovare un miliardo al giorno. Lo stesso vale per la riforma del lavoro, non ritenuta perfetta ma allo stesso tempo valutata come l’unica strada percorribile.
Ha ribadito il suo impegno perchè la riforma venga approvata in tempi brevi. In ultimo ha trattato uno dei temi più delicati in Alenia quello degli esodati.
Il discorso si è chiuso, nonostante le divergenze, con qualche applauso degli operai per un evento che non si verificava da quarant’anni, la presenza di un ministro in un’assemblea di lavoratori.

Giorgio Airaudo, segretario nazionale della Fiom, non si arrende e propone lo sciopero generale: “Il ministro Fornero non ha convinto i lavoratori, lo ha ammesso anche lei. C’é uno squilibrio enorme tra le cose proposte e imposte ai lavoratori e una equità che non è mai iniziata”. Inoltre sugli esodati Airaudo ha aggiunto: ”il ministro ha convocato i sindacati e ha detto che fara’ le sue proposte anche se c’e’ un problema di soldi. Noi pensiamo che i lavoratori debbano andare in pensione con le regole vigenti al momento dell’intesa. Non si possono cambiare le regole del gioco a chi e’ fuori dal gioco”.

Google+
© Riproduzione Riservata