• Google+
  • Commenta
7 aprile 2012

Gemellaggi scolastici: in Italia il miglior progetto Europeo 2012.

La vittoria come “miglior progetto eTwinning 2012”, è andata all’istituto “E. Duni” di Matera, che è stato premiato durante la conferenza europea annuale, appunto eTwinning, portata avanti direttamente dalla Commissione Europea di Berlino, il 29 Marzo.

eTwinning è la possibilità che viene offerta ai vari istituti di intraprendere un gemellaggio elettronico a livello europeo, grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie multimediali. Il portale è giunto ormai al suo sesto anno di attività e dà la possibilità non solo agli studenti di confrontarsi con coetanei, distanti da loro per lingua e cultura, ma ai docenti stessi di collaborare con colleghi oltreconfine, avendo la possibilità di consigliarsi su programmi e metodi di insegnamento.

Tale organizzazione, coordinata dal consorzio europeo dell’istruzione European Schoolnet, ha l’obbiettivo di favorire l’integrazione a livello comunitario in modo tale da far percepire alle nuove generazioni, come propria, la cittadinanza europea.

Il liceo classico di Matera, pertanto, si è aggiudicato il prestigioso premio, grazie al progetto: “A taste of Maths (ATOM)”, tra i cui curatori ha visto la prof.ssa Maria Teresa Asprella. Soddisfatta si è detta il capo Unità Nazionale eTwinning Donatella Nucci: ‹‹ Risultato importante che premia l’impegno dei docenti e conferma la grande qualità del nostro settore scolastico ››.

L’evento sicuramente risulta fondamentale, in quanto non solo permetterà ai vincitori di poter visitare la sede del Future Classroom Lab a Bruxelles, ma ha dato senza dubbio rilevanza internazionale a questo piccolo istituto del sud Italia, il quale, a sua volta, attraverso il suo impegno, ha donato lustro all’intera Nazione.

In realtà il progetto dell’istituto “E.Duni”, si è già aggiudicato altri quattro premi, fra cui il primo premio per i ragazzi fra i 12 e i 15 anni, in gemellaggio con una scuola di Bucarest, senza contare le collaborazioni con istituti dei Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Grecia e Spagna; naturalmente ciò che ha fatto si che questi ragazzi si fondessero a formare un unico gruppo, nonostante lingua e culture differenti, è stata la matematica, protagonista indiscussa del progetto.

La responsabile Maria Teresa Asprella infatti, ha confermato che l’intento principale è stato quello di invogliare i ragazzi allo studio della matematica attraverso un metodo sicuramente più innovativo ed adatto ai giovani di questa età, utilizzando perciò, giochi e materiale interattivo, il tutto naturalmente, intersecando metodo didattico e cultura fra i vari paesi con cui si è collaborato.

Altri riconoscimenti poi, sono stati assegnati ai progetti delle categorie che vanno dai 4 agli 11 anni, in particolar modo al 3^ circolo didattico di Chieti, mentre per quanto riguarda le categorie speciali di lingua, il premio è andato al Liceo Statale “ N. Machiavelli” di Roma  e all’Istituto “Ten. Col. G. Familiari” di Reggio Calabria.

Google+
© Riproduzione Riservata