• Google+
  • Commenta
16 Maggio 2012

Accordo Università di Verona e Centro Ricerche e Sviluppo Aptuit

L’Università di Verona ed il Centro Ricerche e Sviluppo Aptuit  di Verona  hanno firmato una convenzione di collaborazione scientifica e commerciale che prevede un programma di supporto che spazia dalla didattica sino alla partecipazione ad iniziative di impresa. Presenti il Rettore Alessandro Mazzucco e Stuart Needleman presidente and chief operating officer di Aptuit.

La presentazione dell’accordo tra Università di Verona ed Aptuit  avviene durante il simposio “Challenging Current Paradigms in Early Drug Development”, l’evento scientifico organizzato da Aptuit presso il Centro Ricerche di Verona che  costituisce un’occasione per presentare e discutere dei più recenti ed innovativi approcci della ricerca per migliorare il processo di sviluppo di nuovi farmaci e ridurne i tempi ed i costi di produzione.  Il programma scientifico consiste in una serie di interventi da parte di esperti internazionali dell’industria e mondo accademico e in una sessione di presentazione di poster scientifici.

La convenzione tra l’azienda e l’Università di Verona prevede in primis lo sviluppo congiunto di attività di ricerca di base ed applicata. Si tratta di attività che si pongono l’obiettivo di migliorare e di integrare le competenze tecniche, scientifiche, le capacità tecnologiche e le infrastrutture esistenti, prevedendo anche la mobilità di studenti e di ricercatori tra le strutture di ricerca degli attori della convenzione.

Altra attività centrale dell’accordo è quella didattica e di divulgazione scientifica. L’obiettivo in questo caso è migliorare e integrare le competenze tecniche, scientifiche e la conoscenza dei ricercatori di Aptuit e dell’Università attraverso una reciproca mobilità e con particolare riguardo ai programmi di formazione dell’Università (corsi di laurea, corsi di specializzazione e dottorato), in cui il personale Aptuit interviene come docente nell’organizzazione di seminari e workshops ed in altre attività mirate alla divulgazione scientifica ed allo sviluppo della conoscenza.

La convenzione comprende anche lo sviluppo commerciale, prevedendo la partecipazione ad attività commissionate ad Aptuit da parte di clienti dell’azienda, in cui vengono coinvolti tecnologie e gruppi di ricerca dell’Università.

La firma della convenzione prevede inoltre la creazione di iniziative di impresa in favore delle società di spin-off dell’Università che possono richiedere per il loro sviluppo una specifica infrastruttura di ricerca, non disponibile in Università e presente invece in Aptuit.

 La ricerca dell’Ateneo di Verona è frutto del lavoro e dell’entusiasmo dei gruppi di ricerca e di moltissimi giovani, di docenti e ricercatori che dedicano la loro vita all’esplorazione dei diversi campi del sapere.

I risultati ottenuti in termini di progetti di ricerca ammessi al finanziamento ministeriale mettono in risalto il successo ottenuto dall’Università nella competizione nazionale.

Il significativo incremento delle somme stanziate direttamente dal sistema produttivo testimonia l’impegno volto ad unire Università, imprese e territorio nella realizzazione di progetti congiunti, incentivando la realizzazione di progetti di ricerca di base, ricerca industriale e sviluppo competitivo di interesse sia per l’università che per aziende, enti e realtà produttive.

 Il Centro Ricerche e Sviluppo Aptuit di Verona è parte della multinazionale americana Aptuit LLC, che fornisce servizi scientifici nel settore della Ricerca & Sviluppo farmaceutico ad oltre 800 aziende in tutto il mondo, e che ha  rilevato le attività del “Medicines Research Centre” di Verona da GlaxoSmithKline nel luglio 2010 e dispone, in oltre 65.000m2 di laboratori, delle più avanzate tecnologie, impianti e attrezzature scientifiche necessarie alla scoperta e allo sviluppo di farmaci innovativi.

Presso la sede di Verona operano oltre 400 addetti, esperti in biologia, chimica medicinale e computazionale, valutazione della sicurezza del farmaco, sviluppo chimico, chimica strutturale e analitica, sviluppo farmaceutico, bioanalitica, farmacocinetica e metabolismo, scienze cliniche, oltre alle funzioni a supporto dell’attività di servizio per i clienti

Google+
© Riproduzione Riservata