• Google+
  • Commenta
26 maggio 2012

Algeria, esplosione in mensa: 7 studenti morti

Otto morti, fra cui sette studenti universitari e 32 feriti. E’ il bilancio dell’esplosione che alle 19 di ieri sera ha investito la mensa della cittadella universitaria di Bakhti, a Tlemcen.  Fra le cause, ancora da accertare, della deflagrazione un fuga di gas avvenuta del ristorante nell’ora di punta  durante la quale sarebbero stati presenti sul posto un centinaio di studenti.

Altri tre studenti versano in condizioni definite gravissime nell’ospedale “Tidjani Damerdji”, di Tlemcan. Le vittime sono, ad eccezione di un addetto alle cucine, di 54 anni , tutti studenti di eta’ compresa tra i 19 e i 21 anni, originari delle province di Tizi Ouzou, Béjaa, Médéa, Bouira e Blida.

Nel frattempo sale la rabbia degli studenti per frenare la quale, a meno di 24 ore dalla sciagura, le autorità hanno fatto cadere le prime teste tra i funzionari dell’università. Sono stati infatti posti in stato di detenzione preventiva il direttore amministrativo e il responsabile dei servizi di ristorazione.

Una  carcerazione  decisa in fretta  per alleviare tensione e rabbia degli studenti che, secondo il periodico online El Watan, ora puntano il dito contro la corruzione dilagante ai vertici dell’università, comprese le commissioni di ispettori che dovrebbero vigilare sulla sicurezza degli impianti.

L’inchiesta dovrà stabilire – afferma il Ministro dell’istruzione  Hachemi Djiar, stamattina in visita ai feriti – le cause esatte di questo tragico incidente, e noi faremo di tutto per evitare che ciò accada di nuovo”.

Google+
© Riproduzione Riservata