• Google+
  • Commenta
5 Maggio 2012

Arte: l’ateneo “Roma Tre” celebra i suoi venti anni con Tommaso Cascella

Quest’anno venti candeline sulla torta per il più giovane ateneo pubblico capitolino, sorto nel 1992: l’Università degli Studi “Roma Tre”.

Niente di meno, per festeggiare il suo compleanno è stata allestita una bella mostra dedicata proprio all’ateneo dall’artista romano Tommaso Cascella (classe 1951), intitolata “Tra memoria e invenzione”.

Tommaso Cascella proviene da una lunga generazione di artisti, ma è alle spinte avanguardiste del secondo Novecento che dice di sentirsi più ispirato. È il peso dell’aria che gravita nelle sue opere, a metà tra scultura e pittura, consistenza/inconsistenza, materiale/immateriale. Qualsiasi elemento, dal ferro, alla carta, alla ceramica, alla pittura concorre a realizzare e a esprimere il suo mondo di una vividezza straordinaria; un’arte che oltre alla bellezza estetica, diviene portavoce di concetti inesprimibili, di mondi in cui la pittura può proiettare le sue ombre pur essendo materialmente inconsistente e dove la scultura diventa così leggera da avere l’inconsistenza di un foglio.

Per “Roma Tre” Tommaso Cascella presenta ben trenta opere, tra dipinti e sculture, di cui otto dedicate proprio all’ateneo romano: otto dipinti che esprimono la complessità scientifica delle otto Facoltà universitarie, segni materici che attraverso il loro peculiare grafismo evocano il valore simbolico di ogni Facoltà.

La mostra, curata da Otello Lottini, celebra quindi la memoria, i vent’anni trascorsi dell’ateneo, ma anche e soprattutto l’augurio di formare giovani laureati proiettati verso il futuro e la ricerca. Inaugurata il 3 maggio e presentata dal rettore Guido Fabiani presso lo Spazio espositivo del Centro d’Arte Contemporanea (CEDAC), nei pressi dell’Aula Magna della Facoltà di Lettere e Filosofia, l’esposizione resterà aperta fino al 12 maggio, dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 13.00, ad ingresso libero.

Google+
© Riproduzione Riservata