• Google+
  • Commenta
30 maggio 2012

Così la dodicenne Victoria Grant ha conquistato il Canada e terrorizzato le banche

Victoria durante il suo intervento. Il padre carica su youtube il discorso pubblico da lei tenuto al Public Banking Institute di Filadelfia. Spopola sul web

A soli dodici anni Victoria Grant è riuscita laddove politici, banchieri ed economisti avevano fallito, avvicinando  persone comuni a dinamiche e tematiche élitarie quali il funzionamento del sistema bancario privato vigente in Canada.

All’incontro del Public Banking Institute di Filadelfia, tenutosi a fine aprile, era intervenuta illustrando, con notevole chiarezza espositiva e con estrema disinvoltura, il meccanismo perverso che comporta l’arricchimento di banche private a discapito del debito pubblico – in progressivo aumento – e dei contribuenti.

L’obiettivo di Victoria era stimolare alla riflessione e successivamente alla reazione il popolo canadese, succube della speculazione operata dalle banche private e di cui il governo è complice:
Vi siete mai chiesti perché il Canada è indebitato? Vi siete mai chiesti perché il governo impone ai canadesi così tante tasse ? Vi siete mai chiesti perché i banchieri delle più grosse banche canadesi siano sempre più ricchi ed il resto di noi no? Vi siete mai chiesti perché il nostro debito nazionale supera gli 800 miliardi di dollari e perché noi spendiamo 160 milioni di dollari ogni giorno a banchieri privati per soli interessi sul debito nazionale? Sono 60 miliardi di dollari l’anno. Vi siete mai chiesti il perché di questi 60 miliardi di dollari? Vi darò ora delle informazioni che saranno di vostro interesse e di stimolo per continuare le ricerche per conto vostro e per invitare il nostro governo a fermare questa rapina del popolo del Canada. Per prima cosa vedremo la Banca del Canada. Poi come funziona il sistema bancario oggi. E poi vi descriverò una soluzione che potremo pretendere che sia realizzata dal nostro governo“.

Victoria spiega quali siano le cause del debito pubblico Canadese, superiore a 800 miliardi, riconducendole agli alti tassi d’interesse imposti dalle banche private ai prestiti concessi allo Stato e ai singoli cittadini : Ci derubano due volte. Ci derubano come cittadini perché ci prestano soldi con alti tassi di interesse. Ci derubano come contribuenti, perché i soldi che il governo usa per ripagare i prestiti sono anche quelli nostri”.

Ma la dodicenne non si ferma qui e fornisce, oltre alla spiegazione, la soluzione a quello che definisce un “crimine”, proponendo la statalizzazione delle banche:  “Se il governo canadese ha bisogno di denaro, lo potrebbe prendere direttamente dalla Banca del Canada, la gente pagherebbe per ripagare la Banca del Canada e questo denaro, proveniente dalle tasse, sarebbe a sua volta immesso in una infrastruttura economica e non farebbe crescere il debito ed i canadesi potrebbero nuovamente prosperare con quel denaro reale – e non denaro gravato da debito – quale base della propria struttura economica“.

In tal modo, secondo Victoria, l’economia del Canada potrebbe migliorare insieme alle condizioni di vita del suo popolo, al momento gravato da ingenti tasse . Ed è proprio ai suoi concittadini che la ragazzina si rivolge in conclusione del suo intervento, invitandoli ad una maggiore consapevolezza della situazione economica del paese da cui scaturisca la pretesa di un effettivo miglioramento del sistema bancario: “É bene che nessuno si dimentichi che è la gente che può cambiare il mondo e credo questa sia l’unica cosa che conta“.

Il discorso nella sua interezza è stato ripreso e caricato su youtube dal padre della Grant, che si è vista diventare in breve tempo l’emblema della lotta alla frode bancaria ottenendo centinaia di migliaia di visualizzazioni in pochi giorni. Il messaggio inviato da Victoria, formulato con la migliore retorica – quella che non si vede – e intriso di un senso critico che la diplomazia spesso non può permettersi, sembra essere giunto a destinazione.

E’ certo straordinario che a soli 12 anni e in soli sei minuti – tale è la durata del discorso – si riesca a illustrare e razionalizzare con semplicità un fenomeno di simile portata, proponendone persino la risoluzione. C’è solo da chiedersi come sia stato possibile che in oltre 40 anni, dall’introduzione del sistema bancario privato in Canada ad oggi, a nessun adulto sia venuto in mente di denunciare quella che per Victoria è una “rapina”.

Forse è il momento di lasciare che siano i giovani, in questo caso i giovanissimi, a prendere parola e a proporre nuove soluzioni, a guidare i popoli, a svecchiare i sistemi e rinnovare lo sguardo che ad essi si rivolge. Saprebbero cambiare il mondo se venisse loro concesso: Victoria ne è la dimostrazione.

Qui il video del suo discorso.

Google+
© Riproduzione Riservata