• Google+
  • Commenta
6 Maggio 2012

Le donne, rispetto agli uomini, sono più gelose delle proprie colleghe

Sul lavoro lo spirito di competizione può rivelarsi un’arma vincente. È difficile, però, pensare che la competizione sessuale possa avere effetti positivi sulle prestazioni lavorative delle persone. Non è dato sapersi quali effetti abbia la gelosia nei confronti di un (o una) collega più attraente e seducente sul nostro modo di lavorare. Una cosa, però, è stata dimostrata!

Secondo uno studio recentemente condotto da un team internazionale di ricercatori, la gelosia e l’invidia sul posto di lavoro sono caratteristiche presenti soprattutto nelle donne.

La ricerca, che ha coinvolto studiosi provenienti dall’Universidad de Palermo (“barrio” di Buenos Aires, omonimo del capoluogo siciliano), dall’Universidad de Valencia (Spagna) e dalla Rijksuniversiteit Groningen (Paesi Bassi), aveva lo scopo di individuare in che misura emozioni come l’invidia e la gelosia influiscono sull’attività lavorativa. Obiettivo, questo, che non era stato mai perseguito prima di allora dalla comunità scientifica, nonostante l’interesse da questa dimostrato nei confronti di questo tipo di sentimenti.

Secondo i ricercatori gli uomini e le donne non sarebbero affatto uguali sul posto di lavoro. Come riporta Rosario Zurriaga, Professore associato e ricercatore presso l’Università di Valencia che ha partecipato alla ricerca, “le donne hanno mostrato un elevato livello di concorrenza intrasessuale, nutrendo una spiccata gelosia nei confronti di una eventuale rivale più attraente e seducente. Questo tipo di reazione non è stato riscontrato negli uomini, che invece hanno dimostrato una competizione intrasessuale meno spiccata”.

 

Google+
© Riproduzione Riservata