• Google+
  • Commenta
9 maggio 2012

Progetto ALBA per l’Università degli studi della Basilicata: a breve le iscrizioni

La lingua è identità, popolo. La lingua è l’identità di un popolo.

Un patrimonio quello linguistico che si sta via via perdendo lasciando posto all’innovazione della lingua ufficiale, dimenticando la naturalezza e il senso di appartenenza che l’identità linguistica fornisce.

ALBA, così si chiama il progetto che nasce con l’intento di ricostruire la storia e le radici linguistiche della Basilicata. Il suo nome è l’acronimo di Atlante Linguistico della Basilicata e consiste in un vero e proprio atlante del dialetto, contenente una raccolta e studio dei termini inerenti la casa e gli utensili e delle loro variazioni fonetiche e morfologiche diverse nelle varie zone della Basilicata, dove unicamente solo in questa regione è possibile ravvisare i quattro sistemi vocalici tonici.

Un progetto che ha già cinque anni di vita e che ha dimostrato la professionalità dei tecnici e il grande interessamento che negli ultimi anni il dialetto ha conquistato da parte dell’opinione pubblica.

Il piano di lavoro è stato realizzato dal Dipartimento degli studi letterari e filologici dell’ateneo lucano con un team di esperti e tecnici in dialettologia, coordinati e supervisionati da Patrizia Del Puente, docente di Glottologia e linguistica presso l’Università degli Studi della Basilicata.

Per questo la Regione  Basilicata, fortemente sensibile a questo progetto ha messo a disposizione un finanziamento di 100 mila euro per la continuazione della realizzazione del progetto ALBA.

Ma non sarà la sola voler investire sulla salvaguardia del patrimonio linguistico territoriale, contribuiranno insieme alla Regione anche i comuni che hanno sentito la necessità di mettere a disposizione dei fondi propri.

I vincitori del progetto avranno sei borse di studio erogate dall’ateneo lucano per un totale di 84 mila euro, che serviranno per coprire i costi  delle ricerche sul campo, comprese lezioni e seminari preliminari per l’utilizzo di registratori professionali.

 

Google+
© Riproduzione Riservata