• Google+
  • Commenta
26 giugno 2012

I commenti dei maturandi sulla terza prova

Come è stata per i maturandi la terza prova? Basta aprire le pagine dei social network più diffiusi per averne un’idea precisa.

Grazie agli ormai onnipresenti social network, tutto il web è a conoscenza delle prime opinioni dei maturandi nei riguardi della terza prova. Fino a pochi istanti prima e a partire da qualche minuto dopo la fine del cosiddetto “quizzone”, i commenti su facebook e su twitter hanno invaso la pagine web dei più famosi social network.

Un’ottima fonte per conoscere i giudizi, le emozioni ed i pareri degli studenti è la pagina twitter del sito Scuola.it che ammette, in base ad un sondaggio da loro effettuato, non solo che il 29% degli alunni è riuscito a copiare, ma che si è servito, a tal scopo, proprio di twitter!

Insomma, ad un aumento della difficoltà delle prove (secondo quanto è stato dichiarato dagli studenti stessi) è, senz’altro, corrisposto un aumento delle possibilità di copia tramite lo sfruttamento dei social network.

Dai numerosi commenti emerge anche che la maggior parte degli studenti non ha di certo trascorso la sera prima della terza prova a studiare: quasi tutti erano, come forse il maggori numero degli italiani, incollati allo schermo a soffrire insieme ai calciatori della nostra nazionale.

E l’audace o, per alcuni, folle rigore di Pirlo ha incoraggiato e, inqualche modo, assistito, i nostri maturandi: “Keep calm e faje er cucchiaio” è stato lo slogan per molti studenti ieri mattina e, a detta del quotidiano on line fan page, c’è addirittura chi, in modo scaramantico, ha preso un cucchiaio dalla propria cucina e l’ha tenuto con sé durante la prova, accanto alle immancabili immaginette dei più diversi Santi alle quali si è aggiunta, ironicamente, anche quella di San Pirlo.

Ma, purtroppo per i maturandi, gli esami non finiscono qui: c’è ancora l’ultimo, grande scoglio degli orali e poi, finalmente si potrà andare in vacanza o, come qualcuno ha espresso su twitter, “ci si potrà ammazzare!”

Google+
© Riproduzione Riservata