• Google+
  • Commenta
30 giugno 2012

La nostra maturità racconta dagli studenti e dai professori

Tracce tema maturità 2014
La nostra maturità

La nostra maturità

Come sarà la nostra maturità? Lo chiediamo a studenti e professori.

Quest’anno Controcampus, grazie anche alla creazione della rubrica Scuola, ha voluto dare voce alle sensazioni degli studenti che hanno affrontato questa sfida: il loro ingresso nel mondo degli adulti.

Proprio per questo motivo abbiamo deciso di intervistare alcune fresche “maturate”. La prima ad aver risposto alle nostre domande è Anthea, studentessa del Liceo Scientifico “P.S.Mancini”di Avellino.

Diciamo che più della metà dell’esame è andato, come ti senti?

Sì, effettivamente l’esame è praticamente quasi finito.. ma ritengo che la parte più importante è proprio la prova orale. Sono un po’ sotto stress, sembra che i giorni passano troppo velocemente e gli argomenti da ripetere un po’ troppi”.

La nostra maturità raccontata da Anthea, studentessa del Liceo Scientifico

Come è stata la tua notte prima degli esami?Cosa hai fatto? Ripasso matto e disperato o bagno a mezzanotte?

Nessuna delle due. Ho passato le ultime ore in preda all’ansia, pensavo di non potercela fare. Poi però mi sono tranquillizzata e ho pensato che riposandomi avrei affrontato il giorno seguente nel modo migliore”.

Il giorno dell’esame come è andata? Che aria si è respirata in aula?

Appena entrati in classe eravamo tutti in po’ troppo agitati. Ma con il passare del tempo aspettando le tracce e scambiando un paio di parole ci siamo tranquillizzati e abbiamo trascorso il resto del tempo nella tranquillità più assoluta”.

Ci sono stati problemi con il nuovo metodo di ricezione delle tracce d’esame?

“No, assolutamente. I professori hanno infatti sostenuto che la procedura è stata velocissima e facilissima, è sicuramente un ottimo metodo per evitare sprechi di carta”.

Le tracce più gettonate quest’anno sono state quella del “labirinto” e “i giovani e la crisi”. Tu che traccia hai scelto?

“La traccia sulla crisi l’ho scartata a priori, per evitare di cadere nel banale ho preferito la traccia sulla tecnologia e sulle scienze. Oggi tutto il mondo si basa sugli sviluppi tecnologici e scientifici, un tema diciamo molto attuale visti gli ultimi incrementi di vendite dei dispositivi Apple o Samsung nonostante la mancanza di denaro in circolazione”.

Durante le prove siete riusciti a sbirciare qualcosa oppure controllo serrato dei professori?

Beh, a dire il vero per quanto riguarda la seconda prova c’è stata forse un po’ di tolleranza, mentre per la terza prova vigilanza più che severa. Qualcuno ha rischiato anche l’esame”.

Come pensi siano andate tutte le prove? Esprimi un giudizio.

Credo di aver svolto delle buone prove scritte. Anche perché le tracce dei primi due giorni erano abbastanza accessibili. Per quanto riguarda la terza prova si spera per il meglio”.

Cosa farai appena finita la maturità?

Sicuramente mi prenderò  un po’ di tempo per farmi un bel bagno al mare e rilassarmi quanto più possibile prima di iniziare a prepararmi per i test universitari”.

Programmi per il futuro?

Sicuramente continuerò il mio percorso di studi con l’università, il mio sogno è quello di diventare un magistrato spero che la sorte sarà dalla mia parte”.

Consigli per i futuri maturandi.

Studiare durante il corso di tutto quinto anno giorno per giorno senza trascurare nulla. Ci si troverà poi in grande vantaggio,  evitando così lo stress finale di dover ripetere e a volte imparare interi programmi.  La chiave per l’esame è solo ed unicamente lo studio. Sembra una tappa difficile ma è più facile di quanto sembra”.

Attendendo la seconda parte delle nostre interviste “mature”, Controcampus augura ad Anthea un futuro pieno di emozioni e ricco di sorprese.

Dopotutto gli esami non finiscono mai e questo è solo l’inizio!

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata