• Google+
  • Commenta
20 giugno 2012

L’Università di Siviglia progetta l’illuminazione ecologica

L’uomo, ha creato dispositivi in grado di produrre luce artificiale, senz’altro indispensabili, ma che hanno provocato una grave forma di inquinamento chiamata inquinamento luminoso!

L’inquinamento luminoso altera  fortemente il nostro rapporto con l’ambiente in cui viviamo ostacolando una vera e propria visione e percezione dell’universo, degli astri e del cielo.

A porre fine a quest’alterazione del sistema non potrà mai essere l’estinzione delle luci artificiali ma potrebbero invece essere gli Holonic street lamps, l’interessante novità ambientalista tutta spagnola!  Per ora parliamo di un abbozzo di quelli che potranno essere i lampioni più ecologici della storia.

L’idea è stata partorita dalla giovane ricercatrice dell’Università di Siviglia, María Jesús Ávilais, e questi dispositivi d’illuminazione pare saranno composti da due piccoli pannelli fotovoltaici , siti nella parte superiore del palo della luce, e da una piccola turbina eolica che permetteranno di ricavare luce sfruttando sole e vento!

Ma la novità non risiede solo nell’ecologia di questo sistema: come se non bastasse, l’intensità luminosa può essere regolata ! Parliamo ovviamente di dispositivi che funzionano in determinate condizioni ambientali: tra i 30 gradi sotto zero e i 40 gradi centigradi e con venti che soffiano fino a 140 km orari. Il funzionamento degli Holonic street lamps  è garantito per almeno 50.000 ore e l’energia prodotta col vento e col sole viene accumulata al di sotto del manto stradale in un apposito compartimento.

Un dispositivo all’avanguardia insomma che mediante una fotocellula darà il via all’accensione della lampadina non appena cala la notte! Un progetto che promette più che bene, ma che è ancora in attesa di investitori disposti a finanziarlo e a credere nel suo concreto funzionamento.

Google+
© Riproduzione Riservata