• Google+
  • Commenta
22 luglio 2012

Educazione politica nelle scuole

In un mondo dominato dalla corruzione, dal potere e da profondi interessi economici non si può restare fermi a guardare o far finta di niente.

La politica decide sulle nostre vite e le sue scelte ricadono inevitabilmente sulla nostra pelle, stabilendo ciò che possiamo o che non possiamo fare.

E pensare che ci sono persone che non si interessano di politica, filosofia di vita che incide sul prezzo del pane, sul costo della benzina, sulle sorti delle imprese, sul diritto alla salute e all’istruzione, sulla possibilità di sposarsi o meno, sulla libertà di esprimere il proprio pensiero.

Siamo tutti schiavi della politica, ma non tutti ne siamo consapevoli.

Pensiamo che il mondo politico sia una realtà distante che ci tocca solo con imposte e tasse e, invece, i suoi meccanismi vanno ben oltre le convinzioni comuni.

Oggi non ci si può improvvisare “politici”. Fare politica è un mestiere al pari degli altri e pertanto richiede competenze, professionalità, diligenza e una forte empatia.

I politici, infatti, sono i rappresentanti del popolo, ma come si può rappresentare qualcuno senza avere quella capacità che permette di immedesimarsi a pieno nelle condizioni altrui?

L’educazione politica nelle scuole avrebbe una valenza importantissima, quella di ridare ai ragazzi la possibilità di decidere sul loro futuro, di scegliere da chi e da quali ideali farsi rappresentare, di essere preparati al contesto sociale che li circonda.

I templi della cultura possono diventare accademie di vita, preparare le giovani menti a realizzare una politica onesta fatta di etica e morale.

Lo scenario politico italiano è affetto dal cancro della corruzione, dall’individualismo, da programmi che guardano al futuro, ma che non sono all’altezza di realizzarlo.

Forse, però, bisognerebbe chiedersi se esistono docenti capaci di insegnare una politica che esula da quella attuale, che va oltre le convinzioni ormai radicate, che prescinde da tutti gli schieramenti e i “colori”; una politica fatta di nuove idee, riempita di quei valori importanti e di quei principi che danno un senso e rendono giustizia alla vita.

Robert Louis Stevenson una volta ha detto: “La politica è forse la sola professione per la quale si pensa non sia necessaria alcuna preparazione specifica”. 

 

fonte immagine: http://www.demetraviva.it/politica/articolo.asp?idnews=175

Google+
© Riproduzione Riservata