• Google+
  • Commenta
11 luglio 2012

Summer School RENA: riparte l’Eccellenza Nazionale

Dopo la riuscita edizione dello scorso anno la Summer School RENA replica a Matera dal 2 all’8 settembre 2012 con un parterre di docenti partecipanti davvero di alto livello; lo scopo è sempre lo stesso: offrire uno spazio di dibattito e approfondimento per giovani provenienti da università, amministrazioni pubbliche, libero professionismo e ricerca guidati da personalità eccellenti per una sette giorni di lezioni e confronti con l’obiettivo di creare nuovi cittadini responsabili impegnate nella creazione e mantenimento di un buon governo e . Quest’anno a guidare la discussione tra gli altri ci saranno il vice presidente del Parlamento Europeo On. Gianni Pittella, Antonello Caporale giornalista di Repubblica e l’ex direttore dell’Economist Bill Emmott attraverso lezioni frontali, progetti pratici e occasioni di dibattito.

L’edizione di quest’anno prevede una divisione del progetto in quattro settori principali: La regolamentazione intelligente e la tensione / interazione tra partecipazione e decisioni basate sui dati (evidence-based decision-making); La trasparenza, i dati aperti e l’alfabetizzazione; Lo spazio dei cittadini nella cura dei beni comuni; La decisione condivisa e la prospettiva della “Wikicrazia”. Oltre a ciò verranno affrontate tematiche quali l’innovazione, le start-up e l’impresa sociale in un ottica di ripensamento degli spazi concessi alla cittadinanza nei processi decisionali con un occhio ben aperto sulle sconfinate possibilità offerte da internet e le nuove tecnologie.

La partecipazione alla Summer School è prevista per trenta persone, la possibilità di inviare candidature si apre oggi 11 luglio per chiudersi il 25 luglio a mezzogiorno e in caso si selezione sarà sufficiente versare una quota partecipativa di 100 euro, tutto il resto sarà gratuito (escluse ovviamente le spese di trasporto) grazie a borse di studio messe a disposizione da Intesa Sanpaolo; è necessaria la conoscenza della lingua inglese e per avere informazioni più dettagliate sul programma il link: http://www.progetto-rena.it/summerschool/ darà tutte le informazioni necessarie.

L’edizione dell’anno scorso si è conclusa con molti spunti di riflessione proficui e nuove consapevolezze acquisite, come si evince dalle parole ispirate e ispiratrici del presidente di RENA Alessandro Fusacchia: “Siamo ripartiti dalla città con la convinzione che la buona politica non è solo indispensabile, ma è anche possibile. Allo stesso modo, oggi sappiamo che non avremo mai la buona politica senza avere dei buoni cittadini. Siamo ripartiti con la certezza che non c’è mai stato un altro periodo nella storia in cui sia stato così facile interagire. Ma anche consapevoli che il web debba restare uno strumento che ci aiuta ad esercitate la democrazia nello spazio reale, non in quello virtuale; e nel tempo reale, perché non esiste la democrazia istantanea. La Summer School di Matera ci ha convinto che si possa costruire un Paese diverso. Aggregando gli agenti del cambiamento. Creando reti su più livelli, nazionale e locale. Agganciando queste reti con altre reti in Europa e nel resto del mondo, per evitare di finire isolati. Facendo massa critica. Massa critica che pensa. Ci ha convinto che le cose si cambiano partendo da noi, da ciascuno di noi. Perché la corruzione è sempre in agguato: la corruzione delle nostre teste. La tentazione di lasciar perdere. Di mollare. Di mandare tutti a quel paese. Ci ha convinto che possiamo tutti insieme lavorare per costruire l’Italia delle opportunità. […] (è stato) L’inizio di qualcosa di importante. Un’esperienza unica perché assolutamente ripetibile.

Google+
© Riproduzione Riservata