• Google+
  • Commenta
2 luglio 2012

Un borgo universitario a Badolato

Forse, a molti Italiani la città Badolato non dirà nulla, molti non sapranno nemmeno in quale regione essa si trovi.. Ebbene, invece, Badolato esiste, ed è un suggestivo borgo medievale situato su una collina a pochi chilometri dalla costa ionica, alle sue spalle le pre Serre Calabre in provincia di Catanzaro.

Sembra essere un paese ormai decaduto: l’economia sembra essere scomparsa, per non parlare dell’agricoltura.. tutto a causa delle catastrofi naturali: i danni dei terremoti  ed, in epoca più recente, dell’alluvione  del 1951.

Anche la densità demografica, negli ultimi anni, continua a diminuire, ma di fronte ad uno scenario cosi sconsolato vi è la risorsa del turismo e, soprattutto, dell’intrinseca ed inaudita bellezza naturale del territorio, perla nascosta sul Mar Ionio catturata anche dallo sguardo di Wim Wenders nella pellicola “Il Volo“.

Un altro spiraglio di luce, questa volta culturale, porta il nome di Domenico Lanciano, autore di ”Badolato paese in vendita”. Il giornalista Lanciano ha proposto vari progetti per evitare che il destino di Badolato sia l’estinzione, ma il più ambizioso ed attuale è la costruzione di un borgo universitario.

L’idea è di creare la prima Università dialettale. “In Italia (e penso nel mondo) non esiste ancora una vera e propria ‘Universita’ dialettale”, ne è convinto Lanciano.

Su ASCA (Agenzia Stampa Quotidiana Nazionale on line) si legge: “esistono dipartimenti di linguistica o glottologia all’interno delle facoltà umanistiche, ma non c’è un centro che sintetizzi questa importante disciplina che interessa tutti i popoli del mondo. Infatti, secondo un’analisi effettuata dall’Onu  dialetti sul nostro pianeta sono decine di migliaia”.

Comunque, l’originale trovata di Lanciano piace a tutti: sono tutti dalla parte di Badolato, unanimi nella volontà di rilanciarne l’economia, anche industriale. L’assessore Caligiuri ha  dichiarato: “esprimo il mio massimo apprezzamento e confermo la mia piena disponibilità per realizzare il progetto” e, quindi, avrà tempo e modo per cercare finanziamenti sia a livello regionale che nazionale”.

Sembrano non esserci ostacoli per la realizzazione di “Badolato borgo universitario”, anche l’Onu e l’Unesco e la Comunità Europea sono pronti ad appoggiare l’iniziativa per evitare di perdere l’identità ed il patrimonio culturale del territorio. Queste organizzazioni internazionali,interessate, soprattutto, allo studio ed alla conservazione dei dialetti, non mancheranno di contribuire con finanziamenti economici per la realizzazione dell’opera.

Non resta quindi che aspettare che questo sogno diventi realtà!

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy