• Google+
  • Commenta
11 agosto 2012

La distribuzione

Ogni essere umano è sempre psicologicamente legato a quello che crea, specialmente quando crede che un particolare prodotto sia il risultato di una propria autonoma realizzazione.

Anzi, direi che nella maggioranza dei casi si crede di essere noi, nella nostra solitudine intellettiva, gli artefici di qualcosa di straordinario, anche quando questa sensazione è fortemente smentita dai fatti concreti. Siamo spesso convinti di agire ad un livello tale di originalità nelle nostre azioni e pensieri da percepire la nostra esistenza come frutto di una intoccabile esclusività, andando così incontro all’idea di essere soli, persino incompresi.

In realtà, ogni forma di sapere, evoluzione ed insegnamento è tale solo nel momento in cui si presenta alto, per non dire altissimo, il suo livello di distribuzione, di diffusione culturale, dunque di partecipazione sociale al contenuto espresso.

Senza questa dimensione, il sapere e la conoscenza restano una semplice presunzione autoerotica con la quale l’individuo alfabetizzato si provoca sentimenti onanistici che allontano dal suo ragionamento tutti i lettori che, sia pur armati di buone intenzioni, abbandonano il compito della lettura.

Dire che in questa Nazione non si legge, con la presenza di molti più libri che lettori, addossando la colpa a coloro che sembra non vogliano leggere, è semplicistico e, secondo me, decisamente lontano da una coscienza culturale onesta.

In altri termini, voglio dire che la mente umana fonda il proprio pensiero e la sua relativa evoluzione proprio in quelle azioni socio-culturali che si traducono in costante e continua solidarietà umana, rivolta a tutti e per tutti.

Il primo atto di solidarietà fra esseri umani, ancora prima di occuparsi del significato che sta dietro tale atto, è appunto quello della vicinanza empatica, che è il risultato di un insieme di sensazioni positive o negative che tale rapporto può suscitare. Questo tipo di relazione è presente anche durante la lettura, quando l’autore riesce ad entrare in contatto con la dimensione più intima e profonda dei lettori e più tale dimensione si fonda su elementi universali e compartecipati, tanto più il proprio scrivere giungerà ad un maggior numero di menti.

Proprio in questa relazione empatica risiede il concetto di distribuzione del sapere, che non ha nulla a che vedere con la distribuzione dei testi nelle librerie o negli autogrill da parte delle agenzie specializzate in questo mestiere. In effetti, parlo di un altro tipo di distribuzione, molto più vincolante per gli esseri umani, perché possiede la capacità, a lungo andare, di cambiare molti atteggiamenti mentali e comportamentali.

[adsense]

Per raggiungere quest’ultimo obiettivo è però necessaria la presenza di autori che siano consapevoli di un fattore primario della comunicazione: l’umiltà, ossia la presenza in chi scrive di uno stile di vita secondo cui è possibile imparare da tutti e in qualsiasi situazione, senza sentirsi mai giunti alla meta finale del sapere universale. Solo in questo caso penso si possa affermare di essere in presenza di un autore serio intellettualmente ed eticamente, altrimenti qualsiasi altra motivazione sottesa allo scrivere non risulterebbe funzionale allo scopo: il cambiamento delle cose, dello status quo.

Questo non accade sempre, anzi, mi sembra che accada molto di rado. E faccio riferimento alle molte discussioni presenti in internet, nei social forum, oppure su fb. In molti dialoghi intellettualmente interessanti, resto fuori dalla discussione perché ho la sensazione di scrivere per persone che hanno già deciso di non ascoltare, nonostante il mio tentativo di essere il più chiaro possibile.

In sostanza, non possiamo lamentarci troppo di questo dilagante analfabetismo di ritorno perché siamo stati noi che abbiamo abituato i nostri lettori a mantenere un rapporto con le idee scritte sui testi, oppure saggiamente ripetute al bar, assai lontano dallo stile di vita dell’autore. In effetti, sono gli interlocutori che stabiliscono quanto un individuo possa essere esperto in quello che afferma e scrive, attribuendogli “il diritto di cittadinanza” presso la loro mente.

Ma se non cambiano le menti del lettore e dell’autore, perché quest’ultimo diventi il primo ed il secondo il primo, le cose sono destinate, sempre secondo la mia opinione, a non trovare una via d’uscita educativa che sia soddisfacente.

Purtroppo, lo stesso problema si pone a scuola, specialmente all’Università, all’interno della quale sono molti i colleghi e i giovani che si fanno la guerra con lo scopo di affermare, un giorno e se accadrà, di essere loro i vincitori di questa ridicola guerra di parole e comprensione.

Alessandro Bertirotti

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy