• Google+
  • Commenta
1 settembre 2012

Col copia copia, ad Harvard non si passa!

L’antica arte del copiare, bisogna anche saperla praticare!

Chi di noi non ha mai ricevuto bigliettini contenenti le formule del compito di matematica, quanti hanno sbirciato la traduzione della versione latina dal foglio del compagno secchione e chi non ha da ringraziare gli inventori della telefonia mobile per aver  trovato in rete le argomentazioni giuste per consegnare temi dalle traccie improbabili?

Praticamente tutti gli studenti del globo. Ma tante volte , si sa, i docenti fan finta di non vedere perchè sono stati dietro i banchi, e a loro volta studenti e… copioni!

Ma ad Harvard le cose non funzionano proprio così! Il prestigioso ateneo del New England sta indagando su 125 studenti per verificare se abbiano o meno ingannato in una prova svolta a casa, collaborando tra di loro sulle risposte poi consegnate.  Harvard non ha reso noto il nome degli studenti, limitandosi a dire che il fenomeno riguarda una sola classe.È stato un giovane assistente che, nel correggere i compiti, ha dato l’allarme, rendendo inevitabile la pretesa di un provvedimento. Ma sicuramente quest’indagine non da lustro ad uno degli atenei più famosi del mondo.

Da apprezzare è senz’altro l’intento del centro accademico che pur di punire il comportamento poco trasparente e disciplinato dei suoi studenti ha diffuso la notizia, macchiando il proprio popolare nome per una questione alquanto provinciale!

Drew Faust, il preside dell’Università, ha assicurato che : Se verranno provati, questi comportamenti vanno condannati come assolutamente inaccettabili; un tradimento della fiducia sulla quale si basa il prestigio intellettuale di Harvard! Insomma, si sono cacciati davvero nei guai i 125 giovani accademici, i quali dovranno comparire davanti all’Harvard Administrative Board, una sorta di tribunale accademico capeggiato dal preside della scuola.

Attendiamo il responso della corte, e parliamoci chiaro: il copia e incolla è una pratica da liceali, e lasciamola ai liceali! Chi studia all’università dovrebbe avere la maturità di mettersi alla prova e farsi strada vendendo farina del proprio sacco, accettando un 18 vero, piuttosto che impossessandosi di un 30 fasullo !

fonte foto: http://www.esclusivista.it

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy