• Google+
  • Commenta
17 settembre 2012

“European territories: identity and development” a Catania

Università di Catania. Dipartimento di Scienze umanistiche, mercoledì mattina inaugurazione della settimana intensiva del Master Tema.

Mercoledì 19 settembre, alle 10.30, nel Coro di notte del Monastero dei Benedettini, si terrà l’inaugurazione della “settimana intensiva” del master europeo Erasmus-Mundus “Tema – European territories: identity and development”, promosso dal dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania in consorzio con la Elte University di Budapest, l’ Ecole des Hautes en Sciences Sociales di Parigi e la Charles University di Praga.

I lavori saranno inaugurati dal rettore dell’Ateneo catanese, Antonino Recca e dal direttore del dipartimento di Scienze umanistiche, Carmelo Crimi e proseguiranno con gli interventi dei docenti Enrico Iachello, Paolo Militello e Melania Nucifora, componenti del Comitato scientifico del master, dello staff amministrativo, composto da Natale Patania e Maria Sanfilippo e dei coordinatori delle sedi consorziate Gabor Sonkoly (Eötvös Loránd University di Budapest), Marie-Vic Ozouf (École des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi)  e Luďa Klusáková (Charles University di Praga).

Il calendario dei lavori prevede la presentazione dei progetti di ricerca degli studenti del master (giovedì 20 e venerdì 21, dalle 9 alle 17) e due tavole rotonde programmate per sabato 22, dalle 9 alle 13, su “Région, microrégion, integration européenne”, con la partecipazione di Marie-Vic Ozouf, Enrico Iachello, Melania Nucifora, Luďa Klusáková e Annie Sevin e su “Nation-Nationalisme”, con interventi di Gabor Sonkoly, Gabor Czoch, Giovanni Cristina, Markéta Křížová.

Il master propone di analizzare l’uso politico e la rappresentazione scientifica delle unità territoriali (civiltà, nazione, regione, città) attraverso un approccio interdisciplinare fondato sulla ricerca. Organizzato in quattro moduli principali (civiltà, nazione, regione e città), che rappresentano quattro scale di ricerca, così come quattro diversi approcci alle questioni storiche, politiche, sociali e culturali dello spazio e del territorio, il corso consente agli studenti una profonda comprensione della politica europea di coesione e sviluppo regionale, con particolare riferimento al quadro giuridico e al livello dell’analisi scientifica.

 

Fonte foto

Google+
© Riproduzione Riservata