• Google+
  • Commenta
19 settembre 2012

Predica bene e razzola male: il 77% dei docenti fuma davanti agli alunni

Di anno in anno diminuisce, progressivamente, l’età in cui i giovani iniziano a fumare. Se fino a qualche tempo fa i ragazzi prendevano il “vizio” intorno ai sedici anni, quando l’ideologia del gruppo comincia a farsi sentire e bisogna essere assolutamente “in”, oggi sempre di più sono i ragazzini che iniziano a fumare a 12 –  13 anni.

Di sicuro la motivazione principale che spinge i più giovani a intraprendere questa pessima abitudine è di stampo sociale: il dover apparire già “grandi”, il dover trasgredire alle regole che genitori, insegnanti e TV impongono hanno la meglio sul buon senso e sulla buona educazione.

Purtroppo, però, questi giovanissimi sono circondati da “cattivi esempi”: oltre ai genitori più negligenti che non riescono a resistere al richiamo della sigaretta neppure per il bene del proprio figlio, ormai anche la scuola è diventata un luogo in cui i bambini prima, ed i ragazzini poi, sono circondati dalle immagini di due dita che stringono una bacchetta sottile e di due labbra che aspirano ed emettono fumo.

Infatti, in base a quanto emerge da uno studio intitolato “Generazione in fumo, strategie per non cominciare, strumenti per smettere”, studio effettuato dall’associazione I-Think di Ignazio Marino sulla base di dati provenienti  delle principali ricerche italiane e internazionali, ben il 77% dei docenti fuma negli ambienti scolastici, corridoi e cortili, ed il 3% addirittura in classe.

Uno su due è un docente delle scuole medie, cosa che contribuisce, senza alcun dubbio, all’incremento del numero dei ragazzini che inizia a fumare prima dei 13 anni. Ed a dare il cattivo esempio è anche, in molti casi, lo stesso dirigente scolastico.

In base al suddetto studio, la fascia più a rischio resta quella tra i 15 e i 24 anni: sarebbero infatti circa un milione e mezzo i fumatori di quell’età, il 21,8% di sesso femminile ed il 15,9% di sesso maschile.

Per cercare di arginare il problema del fumo nelle scuole, Ignazio  Marino ed il presidente della Commissione Sanità del Senato Antonio Tomassini propongono di rinnovare il disegno di legge  sul fumo presentato in Senato nel 2010, con il quale si impedisce di fumare negli ambienti scolastici e di innalzare a 18 anni l’età minima prevista per l’acquisto legale di tabacco.

Fonte notizia

Fonte immagine

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy