• Google+
  • Commenta
17 ottobre 2012

Dal terremoto all’università: Linda racconta il suo anno difficile ma indimenticabile

Sarà impossibile per Linda dimenticare il 2012 non solo perché questo è per lei l’anno della Maturità e del debutto nel mondo dell’università, ma anche per le particolari condizioni in cui ha affrontato queste tappe importanti della sua vita. Linda abita a Gavello, una tra le frazioni di Mirandola più colpite dai terremoti del 20 e 29 Maggio scorsi.

Come 1700 suoi colleghi, a causa dell’inagibilità di tutti gli edifici scolastici della zona, si è preparata alla Maturità da autodidatta, tra una scossa e l’altra, tra paura ed agitazione. Ha sostenuto solo l’esame orale, come stabilito dal Miur, ottenendo un ottimo punteggio ed oggi è una matricola dell’Università di Bologna, dove frequenta Chimica Industriale.

Controcampus.it ha intervistato Linda per farsi raccontare la sua “particolare” Maturità, l’esordio all’università e le sue aspettative sul futuro.

Linda, sarà impossibile per te scordare il tuo esame di Maturità se si considerano le difficili condizioni in cui ti sei trovata a sostenerlo. Raccontaci come è andata…

Nonostante abbia sostenuto solo la prova orale, ero comunque emozionata ed agitata. Il colloquio si è svolto all’interno delle uniche scuole agibili di Mirandola, le scuole medie F. Montanari, che tra l’altro dopo il sisma ospitavano anche gli uffici comunali. I professori sono stati molto gentili e comprensivi, sia quelli della Commissione interna che si sono resi disponibili per qualsiasi chiarimento scolastico o tecnico sia gli esterni, che ci hanno messo a nostro agio durante la prova. Hanno capito la particolarità della situazione in cui ci siamo trovati.

Conseguita la Maturità, hai scelto di proseguire gli studi e ti sei iscritta a Chimica Industriale. Come mai hai scelto questa Facoltà?

Mi sono avvicinata alla Chimica in quarta superiore, quindi all’inizio dell’orientamento mi sono informata per Chimica pura. Poi ho deviato su Chimica industriale a Bologna, sia perché offre più possibilità di lavoro in futuro rispetto a Chimica pura sia perché ci sono corsi che mi interessano di più. Frequento dal Lunedì al Venerdì facendo la pendolare: parto da Mirandola in treno ed in quaranta minuti sono a Bologna.

Che idea ti eri fatta dell’università prima di iniziare a frequentarla?

Sentire le altre persone dire “vado all’università” faceva sempre un certo effetto. Mi immaginavo un luogo che ti offre miliardi di opportunità e di esperienze. Avendo scelto Chimica industriale poi mi aspetto di fare tante attività di laboratorio sia nel corso delle lezioni che in tirocinio. Naturalmente anche le attività di orientamento inducono a guardare solo gli aspetti positivi…

Quest’ultima frase mi porta a pensare che la tua opinione sia cambiata in questo primo mese di frequenza…

No: sicuramente l’università offre tutte le opportunità che ho elencato prima, ma, frequentandola, mi sono accorta che ci sono anche aspetti meno piacevoli. Bisogna imparare ad organizzarsi, ad informarsi su tutto e tra viaggi in treno, libri da cercare, materiali da comprare, studiare rimane poco tempo. È faticoso ma sono certa che ne valga la pena: per ora mi piace molto.

Oggi i giovani si dividono tra coloro che ritengono l’università utile ed altri che sostengono sia più conveniente trovarsi subito un lavoro una volta usciti dalle scuole superiori: tu cosa ne pensi in merito?

Personalmente non penso che riuscirei molto facilmente a trovare un’occupazione solamente con il mio diploma liceale. So bene che oggi, diversamente dal passato, la laurea non garantisce un futuro agiato e sicuro dal punto di vista professionale, ma ritengo che comunque l’università serva a fare un’esperienza ulteriore e, una volta finita, potrebbe rivelarsi molto vantaggiosa per trovare lavoro.

L’anno accademico in corso è partito con diversi scioperi e manifestazioni degli studenti contro i tagli all’istruzione decisi dal governo. Hai partecipato a qualcuna di queste manifestazioni?

Sì, ho avuto modo di assistere agli scioperi ma non vi ho preso parte: sono appena entrata nel mondo universitario, quindi devo ancora ben capire come funzionano questi meccanismi. Ad ogni modo credo che scioperare sia importante se fatto con coscienza, ovvero manifestando con consapevolezza le proprie idee e proponendo attività e soluzioni alternative al problema per cui si decide di scioperare. Non capisco chi sciopera stando a letto per saltare lezione… Sul problema dei tagli penso che il governo dovrebbe cercare di salvaguardare al massimo l’istruzione, perchè è un campo molto delicato ed importante che più di altri è responsabile del futuro del nostro Paese.

Parliamo proprio di futuro. Una volta laureata ti piacerebbe tentare la difficile strada della carriera accademica?

É presto per parlarne. Posso dirti che se decidessi di intraprendere una carriera all’interno dell’università, preferirei diventare ricercatrice piuttosto che insegnante. In ogni caso mi scoraggia molto leggere certe notizie su nepotismo e baroni ancora oggi, nel 2012.

Nelle zone che ha colpito, il terremoto ha sicuramente contribuito a peggiorare la situazione lavorativa già resa molto difficile dalla crisi economica. A cinque mesi di distanza, come vedi il futuro dell’Emilia? Credi che la situazione sarà migliorata quando tu, dopo la laurea, dovrai iniziare a cercare lavoro?

Sono fiduciosa. Dopo la triennale ho intenzione di iscrivermi anche alla specialistica o alla magistrale per cui ho ancora cinque anni davanti. Credo che, terminati gli studi, si sarà sistemato quasi tutto: molte aziende hanno già ripreso la produzione, altre che si sono trasferite temporaneamente hanno assicurato che torneranno a Mirandola il prima possibile. Per cui, penso che, crisi a parte, il terremoto tra cinque anni sarà ormai un ricordo e che non avrà conseguenze sulla mia ricerca di lavoro: spero di non sbagliarmi!

Fonte immagine: © Nicola Veschi

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy