• Google+
  • Commenta
15 novembre 2012

L’Inno di Mameli sarà studiato nelle scuole: parla la Prof.ssa Anna Maria Imperatrice

Da pochi giorni l’Italia ha compiuto un grande passo: il Senato ha approvato in via definitiva, con più di 200 voti favorevoli, il disegno di legge concernente l’insegnamento nelle scuole del nostro Inno nazionale, l’Inno di Mameli; in più, con tale approvazione, si è anche istituita “la Giornata dell’Unità, della Costituzione della Repubblica italiana, dell’Inno e della Bandiera” il 17 marzo di ogni anno. Ormai non si può più tornare indietro: il disegno di legge è divenuto legge a tutti gli effetti.

Sentiamo la Professoressa Anna Maria Imperatrice, docente di italiano e storia presso un liceo privato di Roma.

Professoressa, cosa ne pensa di questa legge?

“Si tratta sicuramente di una legge importante, soprattutto dal punto di vista simbolico. L’Italia è una e deve rimanere una: parlare nel 2012 di secessione di alcune parti dell’Italia rispetto ad altre è assolutamente insensato e pericoloso. L’Inno di Mameli e l’Inno di tutti gli italiani, e riscoprirlo nelle scuole e non solo durante le partite di calcio della nazionale italiana penso sia una scelta intelligente”.

A cosa può servire lo studio dell’Inno di Mameli nelle scuole?

“Ovviamente lo studio dell’Inno va inserito nell’ambito della conoscenza storica dell’unificazione italiana. La nascita dello Stato italiano, e tutto il percorso che la precede, è strettamente connessa al sorgere di uno spirito popolare unito che si ritrova chiaramente anche nell’Inno di Mameli. Penso che in questo periodo storico, cruciale non solo per l’Italia ma per il mondo intero, sia molto importante il senso di appartenenza a una nazione, il senso civico di appartenenza alla nostra patria”.

In che modo si studierà l’Inno di Mameli sui banchi di scuola?

“La legge che è stata appena approvata prevede che in tutte le scuole italiane siano organizzati dei veri e propri progetti, delle iniziative, affinché lo studente possa capire a fondo qual è stato il significato del Risorgimento per il nostro Paese, qual è stato il percorso storico che ha portato alla nascita dello Stato italiano fino alla Costituzione della Repubblica italiana. L’Inno sarà studiato ovviamente anche testualmente, e cercheremo di approfondire, parola per parola, il verso senso di questo testo”.

Gli studenti, insomma, nei loro programmi di studio, si ritroveranno anche l’Inno di Mameli: speriamo sia una buona occasione per riscoprire la fratellanza, l’amicizia, l’altruismo, e altri valori che dovrebbero essere sempre presenti nello spirito di uno studente.

 

Google+
© Riproduzione Riservata