• Google+
  • Commenta
12 dicembre 2012

Inaugurazione dell’istituto King Sejong presso l’aula Baratto del Cà Foscari

Università di Venezia – Il King Sejong Institute è l’unico istituto governativo sudcoreano ufficialmente riconosciuto e accreditato per l’insegnamento della lingua e della cultura coreana nel mondo.

Attualmente esistono nel mondo 90 King Sejong Institute autorizzati dal Ministero coreano per la Cultura, lo Sport e il Turismo.

Quello inaugurato oggi all’Università Ca’ Foscari di Venezia è il primo King Sejong Institute in Italia. Avrà sede presso il Dipartimento di studi sull’Asia e l’Africa Mediterranea diretto dalla professoressa Tiziana Lippiello.

Il King Sejong Institute centrale ha le seguenti finalità:

 

  • Ricerca, sviluppo e organizzazione di corsi di lingua coreana a diversi livelli.
  • Promozione di attività ed eventi miranti a favorire la diffusione e la comprensione della cultura coreana nel mondo.
  • Organizzazione in Corea di workshop ed eventi a cui vengono invitati studenti e docenti provenienti dai vari King Sejong Institute del mondo, durante i quali i partecipanti possono condividere le proprie esperienze.

Dal canto suo il King Sejong Institute Venezia offrirà corsi di lingua coreana semestrali e annuali a livello elementare e intermedio, e organizzerà regolarmente attività culturali dedicate alla Corea, aperte a tutti.

Il rettore di Ca’ Foscari Carlo Carraro: «L’inaugurazione dell’istituto corona uno sforzo durato due anni grazie alla collaborazione fra l’ateneo e le istituzioni cittadine e coreane – afferma il rettore – Da oggi Venezia diventa il principale centro di coreanistica in Italia e Ca’ Foscari si colloca fra gli atenei con il maggior incremento di studenti che hanno scelto di studiare questa lingua. Il King Sejong Institute darà ancora maggior impulso allo sviluppo delle relazioni culturali fra il nostro paese e la Corea».

Vincenza D’Urso, docente di Lingua e Letteratura coreana a Ca’ Foscari: «La Corea è un Paese che ha molto da dare e da cui l’Italia ha molto da imparare. Anche se quest’anno ci concentreremo principalmente sull’avvio dei corsi di lingua, nei prossimi anni, con la collaborazione e il continuo sostegno del Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea e dell’Ateneo, vorremmo fare dell’Istituto il centro di un’importante sinergia tra università, istituzioni culturali e governative e aziende, coreane e italiane – spiega la prof. D’Urso – per lo sviluppo della coreanistica e per la diffusione in Italia della lingua e della cultura di questo grande Paese, ancora poco conosciuto, e troppo a lungo sottovalutato e ignorato dagli italiani».

Per  S.E. Kim Young-Seok, Ambasciatore della Repubblica di Corea in Italia, «Venezia e Ca’ Foscari sono il luogo ideale per diffondere lo studio della lingua e della cultura coreane».

Song HyangKeun, presidente della King Sejong Foundation, ha quindi tenuto una lecture con cui ha illustrato l’espansione dello studio della lingua coreana nel mondo e le funzioni dei King Sejon Institute presenti oggi in 43 paesi del mondo.

Ca’ Foscari e la Corea fra studio della lingua, ricerca e cultura: a Ca’ Foscari ci si può laureare in coreano nel Corso di Laurea in Lingue Culture e Società dell’Asia e dell’Africa Mediterranea (LICSAAM) e per il prossimo anno accademico è previsto l’avvio di una Laurea Magistrale in lingua inglese, nell’ambito di un consorzio euro-coreano che include un anno di studio e stage in Corea.

 

Trend  studenti che hanno sostenuto un esame di coreano:

2010: 130 studenti

2011: 117 studenti

2012: 170 studenti (dato parziale)
Dal 2009 a oggi sono stati 564 gli studenti di Ca’ Foscari che hanno scelto lingua coreana.

Il trend di iscrizioni al corso di laurea triennale è triplicato in tre anni: lo scorso anno si è registrato un aumento del 100% di iscrizioni, quest’anno del 50% per un totale di 60 iscritti alla triennale di coreano, partita solo tre anni fa.

Accordi internazionali Ca’ Foscari-Corea:

Ca’ Foscari ha in essere otto accordi per la mobilità di docenti e studenti, siglati con Università e Centri studio della Corea, nel mese di luglio inoltre l’ateneo ha istituito un accordo con la Camera di Commercio italiana in Corea per l’attivazione di stage per studenti.

 

Eventi culturali:

Numerose sono le iniziative culturali organizzate da Ca’ Foscari per i suoi studenti e per il pubblico: nel marzo 2010 è stato ospitato in una Ca’ Foscari International Lecture il regista cinematografico ed ex Ministro della cultura Lee Chang-dong, noto al pubblico italiano perché vincitore del Leone d’Argento alla 59esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia nel 2002 e nel mese di aprile dello stesso anno il poeta coreano Ko Un, pluricandidato al Premio Nobel per la Letteratura, ha partecipato a Incontri di Civiltà.

Nell’ottobre del 2011 l’ateneo ha poi ospitato una due giorni all’insegna della Corea fra conferenze, proiezioni cinematografiche, degustazioni gastronomiche alla presenza del Console Generale della Repubblica di Corea a Milano S.E. Han Jae Young.
Nello stesso anno, a novembre, a Ca’ Foscari è sbarcata Moon Chunghee, una delle maggiori voci poetiche femminili della Repubblica di Corea,  per un soggiorno di studio nell’ambito di un accordo di collaborazione tra l’Arts Council Korea (ARKO) e l’Università Ca’ Foscari, seguita quest’anno da Cho Yong-Mee, altra nota poetessa sudcoreana che il 28 novembre scorso ha incontrato gli studenti di Ca’ Foscari e presentato loro il suo mondo poetico.

Inoltre lo scorso settembre il regista Kim Ki Duk, vincitore quest’anno del Leone d’Oro per il miglior film alla 69esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, ha incontrato e dialogato con gli studenti di Ca’ Foscari raccontando della propria vita e carriera.

Nel 2013 Ca’ Foscari conferirà inoltre al poeta sudcoreano Ko Un il titolo di Ca’ Foscari Honorary Fellow.

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata