• Google+
  • Commenta
28 gennaio 2013

Come proteggere i bambini da internet – Corso su modelli di prevenzione nell’era 2.0

Milano – Un approccio innovativo per prevenire comportamenti a rischio tra le nuove generazioni nell’era dei media e dei social network. Come proteggere i bambini da internet ?

È questo l’obiettivo primario del Corso di alta formazione “Tra media e peer education. Modelli e pratiche per una prevenzione 2.0”, promosso congiuntamente dall’Università Cattolica del Sacro Cuore, dall’Asl Vco (Azienda Sanitaria Locale del Verbano – Cusio – Ossola), dall’Associazione Contorno Viola e dalla Cooperativa Lotta contro l’Emarginazione.

Il percorso didattico, alla sua prima edizione, sarà presentato mercoledì 30 gennaio durante un incontro aperto al pubblico e alla stampa che si terrà alle 11.30 nella Cripta Aula Magna dell’Ateneo di largo Gemelli. Interverranno Pier Cesare Rivoltella, direttore del corso, Emilio Ghittoni, presidente dell’Associazione Contorno Viola, e Mauro Croce, psicoterapeuta del Supsi (la struttura pubblica che in Canton Ticino forma tutti gli operatori del sociale).

Corso per imparare come proteggere i bambini da internet

“Tra media e peer education. Modelli e pratiche per una prevenzione 2.0” prende corpo dall’esperienza ultradecennale dei promotori nell’ambito di un approccio alla prevenzione dei comportamenti a rischio in età giovanile che valorizza le competenze esperienziali e comunicative fra pari e che intravede nei nuovi scenari digitali nuove opportunità per come proteggere i bambini da internet.

Tra le sue finalità, infatti, migliorare i processi di attribuzione di significato dei comportamenti nell’era web 2.0; promuovere la conoscenza diretta di metodi, tecniche e teorie della prevenzione su come proteggere i bambini da internet “in presenza“ e nella dimensione digitale e aumentare la consapevolezza sui processi di gruppo attivi in un intervento di formazione “in presenza” e nel web.

Il corso si rivolge agli operatori delle Asl, degli enti locali, della scuola e del Terzo Settore e a professionisti interessati a ampliare le proprie competenze nell’ambito della prevenzione primaria dei comportamenti a rischio nelle età giovanili. Articolato in 8 moduli per un totale di 96 ore suddivise in 54 ore di lezioni teoriche e 42 ore di laboratorio e lavoro di gruppo, prevede sessioni seminariali e lezioni magistrali, una parte intermedia metodologica sia laboratoriale sia sul campo e una parte finale rivolta allo sviluppo di veri e propri progetti operativi da implementare nelle realtà territoriali e organizzative dei partecipanti.

Il percorso formativo su come proteggere i bambini da internet toccherà anche alcuni temi specifici – quali le differenze di genere, l’immigrazione, la famiglia, le nuove addiction – approfonditi attraverso momenti seminariali che si svolgeranno a margine del percorso principale.

Le iscrizioni al corso, che prenderà il via a marzo, dovranno essere effettuate entro il 15 febbraio 2013. 

Google+
© Riproduzione Riservata